menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Martellago, nuovi vertici per la Pro loco che punta al parco fluviale del Marzenego

La creazione del parco fluviale metropolitano è il progetto che più sta a cuore al nuovo consiglio direttivo

La creazione del parco fluviale metropolitano del Marzenego è il progetto che più sta a cuore al nuovo consiglio direttivo della Pro loco di Martellago che nelle scorse settimane ha confermato presidente Armando Favaretto. «Anche durante la recente edizione della Molinara del decennale che ha registrato un’ampia partecipazione, pur in tempi di Covid – spiega il rieletto presidente – abbiamo ricevuto molti incoraggiamenti a proseguire nel nostro impegno a favore della promozione del territorio e in particolare della valorizzazione dell’asta fluviale del Marzenego, come collegamento naturale dell’area metropolitana. Il nuovo direttivo ha già in mente alcune iniziative che presto condivideremo anche con le Pro loco vicine e altre istituzioni».

La squadra

Ad affiancare Favaretto nel prossimo mandato della Pro Loco saranno Michele Ameruoso, vicepresidente, e i consiglieri Michele Fasulo, Primo Boraso, Massimiliamo Manchiaro, Albertino Martignon. I soci hanno nominato Angelo Pavanello presidente onorario dell’associazione. Al collegio dei revisori dei conti sono stati eletti: Dino Mellinato, Emanuele Lazzaro, Giampaolo Colautti; mentre nel collegio dei probiviri sono stati eletti Marina Bergamo, Marta Favaretto e Domenico Rampazzo. Al congresso regionale delle Pro loco del Veneto, svoltosi di recente a Verona, il presidente Armando Favaretto è stato eletto consigliere regionale e delegato all’assemblea nazionale che si svolgerà quest’anno a Padova, il 7 e 8 novembre. «Un impegno che cercherò di svolgere facendomi portavoce delle Pro loco del Decumano» promette.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento