Attualità Marghera

Due mega reattori in partenza dal porto di Venezia

Pesano 1400 tonnellate l'uno e il convoglio che le ha spostate è lungo 60 metri: un'impresa titanica

È pronta a salpare da Venezia per Algeciras, in Spagna, la Jumbo Jubilee, nave da carico che trasporterà due mega reattori da 1400 tonnellate ciascuno e altri tre di portata minore. Le componenti sono state prodotte da ATB Group, azienda di Roncadelle (Brescia) specializzata nelle apparecchiature per il settore dell’energia che ha una sede anche a Porto Marghera, ad appena 400 metri di distanza dalla banchina e quindi particolarmente adatta alla produzione e all'imbarco dei carichi eccezionali, come nel caso dei reattori in partenza tra oggi e domani.

I reattori sono due LC Fining, apparecchi che necessitano di sequenze di montaggi molto particolari e delicate e l’allestimento degli interni ha richiesto uno studio ad hoc e lavorazioni meccaniche specifiche. Delicata anche l’operazione di movimentazione dei due mega carichi: le pratiche di trasferimento terrestre e imbarco sono state gestite dalla Campostano Anchor e il convoglio, della lunghezza di 60 metri, è stato movimentato grazie a carrelli speciali della stessa ATB e di eccellenze ben note come la Fagioli spa e Semat per raggiungere le banchine del terminal multi service. Il terminal garantisce un accesso doganale diretto con ATB per l’ingresso in porto di questi convogli in modo che non interferiscano con la viabilità ordinaria: diversamente, colli di queste dimensioni non potrebbero accedere attraverso i normali varchi portuali.

«Venezia - evidenza il Porto in una nota - si conferma così luogo chiave per la logistica e la spedizione dei project cargo verso i maggiori mercati mondiali, e anche per questo, negli ultimi anni è in crescita il numero delle aziende che scelgono di spostare i loro centri di produzione nelle vicinanze delle banchine dello scalo portuale veneziano».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due mega reattori in partenza dal porto di Venezia

VeneziaToday è in caricamento