rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità San Donà di Piave

All'ospedale di San Donà la medicina biologica rigenerativa

L'utilizzo di plasma ricco di piastrine accelera il processo di guarigione

Sull’onda delle nuove possibilità di cura nate dalla medicina moderna, grazie alla costante collaborazione tra il servizio trasfusionale e l’ortopedia-traumatologia, dirette da Raffaella Berti e Nunzio Mastrantonio, all'ospedale di San Donà di Piave ora si impiega anche la medicina biologica rigenerativa.

«E’ una terapia che utilizza un concentrato piastrinico noto come Platelet Rich Plasma, o P.R.P. – spiega la dottoressa Berti – che viene predisposto presso il servizio di medicina trasfusionale mediante una procedura in aferesi effettuata alla poltrona del paziente/donatore. La procedura prevede un prelievo di sangue intero da cui, con l'utilizzo di un separatore cellulare, viene ricavato un plasma ricco di piastrine. L'elevata concentrazione di  piastrine raccolte in totale sterilità permette l'ottenimento di più dosi  terapeutiche». La terapia P.R.P. è da tempo impiegata in varie branche della medicina, con molte evidenze scientifiche in ambito ortopedico, ad esempio in presenza di tendiniti croniche che non rispondono ai trattamenti convenzionali (come quella del tendine d’Achille, talloniti, epicondiliti del gomito) e stadi iniziali di artrosi di ginocchio.

«La piastrina è l'elemento dominante in quanto libera fattori di crescita capaci di stimolare la proliferazione e la differenziazione cellulare – aggiunge il responsabile della procedura, Pasquale Nava – . Il concentrato di piastrine viene poi applicato nella sede di lesione con una infiltrazione, questo facilita ed accelera il processi di guarigione, aumenta la vascolarizzazione locale tramite lo stimolo alla formazione di nuovi vasi. Questa terapia riduce o elimina il dolore e l'infiammazione, permette il recupero della limitazione funzionale e riduce la necessità di intervenire chirurgicamente».

Sempre nell’ambito della medicina rigenerativa in ambito ortopedico, all'Ulss 4 impiegano terapie che utilizzano anche concentrati di cellule adipose separate dal grasso prelevato dall'addome del paziente; analogamente alla terapia P.R.P. queste cellule vengono poi utilizzate (mediante infiltrazione) nella cura di artrosi del ginocchio nella fase iniziale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale di San Donà la medicina biologica rigenerativa

VeneziaToday è in caricamento