Lutto a palazzo Zaguri, morto l'ideatore delle mostre Real Bodies

Il magnate americano Arnie Geller lascia la moglie e una figlia. Tra le sue ultime volontà quella di realizzare un'esposizione permanente di anatomia umana a Venezia

Arnie Geller (a sinistra)

È morto ad Atlanta, capitale dello stato americano della Georgia, l'85enne americano Arnie Geller: l'uomo che ha venduto oltre 60 milioni di biglietti con le sue mostre Real Bodies nel mondo, considerato uno dei più potenti nel campo delle touring exhibition. Lascia la moglie e una figlia. Tra le sue ultime volontà quella di realizzare una mostra permanente di anatomia umana a Venezia. Le sue ceneri saranno sparse nella città lagunare, che tanto amava, come da suo desiderio.

L'incontro

Nel 2016 il primo incontro con Mauro Rigoni di Venice exhibition, gestore di palazzo Zaguri Venezia e titolare del format creato da Geller, Real Bodies. «Appena conosciuto era molto titubante su fare una mostra a Jesolo - ricorda Rigoni - ma sono riuscito a convincerlo, e alla fine è stato un grande successo con oltre 250 mila visitatori». Dopo il risultato Geller ha nominato Rigoni suo uomo di fiducia in Europa, per seguire le sue esposizioni. Rigoni, nel rispetto della sua volontà di realizzare la permanente di anatomia a Venezia, ha risposto trovando e restaurando palazzo Zaguri, sede della mostra Real Bodies.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo progetto

Il suo nome in America nel settore delle esposizioni era molto noto, sopratutto dal finanziamento della prima spedizione per il recupero dei reperti sul Titanic, tanto che lì sono arrivate le condoglianze dalla Casa Bianca. Uomo di poche parole, di origine ebraica, molto corretto, ha sempre avuto nuovi progetti, anche in età avanzata. Ricco, ma umile, metteva a loro agio le persone e amava ricordare: «sono partito povero e ho fatto molta fortuna». Ha girato il mondo con le sue esposizioni per 35 anni, allestendo mostre su varie tematiche, con successo. L'ultimo progetto in cantiere era quello di realizzare una mostra in scala reale per un touring exhibition alla Cappella Sistina della Città del Vaticano. Aveva raccolto oltre 20 milioni di dollari per realizzarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Coronavirus, il bollettino di oggi: dati del contagio in Veneto e provincia di Venezia

  • Marea a 135, meteo in peggioramento: le paratoie si alzeranno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento