Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Porto Marghera alla 76. del Lido. Lotte, dignità e amicizia

Prendere la realtà e portarla nella realtà. Attori compresi. Che non sono attori, ma lavoratori, rientrati nei laboratori degli stabilimenti chimici. Come fossero ancora di turno

 

Usciti nella realtà, rientrati per finzione a Porto Marghera. Ma per Nicoletta, Lucio e Alessandro, ex lavoratori Vinyls, la dignità e l'amicizia sono stati e sono fatti veri nella battaglia per difendere l'occupazione nel polo chimico veneziano. Chi ha presidiato le torce del petrolchimico, giorno e notte. Chi invece ha diffuso in parole e musica la propria rabbia per la perdita del posto. Sono stati e rimangono protagonisti di un pezzo di storia industriale del Paese. Neppure la paura della gente è finzione. C'era ed è rimasta. La paura degli impianti, dell'inquinamento, del pericolo Porto Marghera. «Con la differenza - dice Lucio - che noi abbiamo mostrato anche il lato umano dell'industria». «Non occuparci di questo significa non avere una una corretta visone del rapporto tra bisogno e realtà - dice il regista Andrea Segre - come l'emozione e il desiderio che i lavoratori avevano nel fare quel lavoro. Chimica a Venezia è il bisogno di lavorare e vivere in questo territorio». 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento