Cinque minuti di applausi in sala per "Non odiare" con Gassman

L'attore romano protagonista dell'opera prima di Mauro Mancini, presentata ieri alla 35° edizione della Settimana Internazionale della Critica a Venezia

Alessandri Gassman (foto Tommasini)

L'odio, di generazione in generazione, tra nazisti ed ebrei tutto in un film che si svolge ai giorni nostri e dal titolo esplicito: Non odiare. Opera prima di Mauro Mancini e unico film italiano in Concorso alla 35ª edizione della Settimana Internazionale della Critica a Venezia, è stato presentato ieri alla Mostra del Cinema, alla presenza del regista e degli attori, tra cui il protagonista Alessandro Gassman. Molto apprezzato dal pubblico, che lo ha omaggiato con cinque minuti di applausi al termine della proiezione in sala.

Non odiare, in sala dal 10 settembre con Notorious Pictures, racconta la storia di Simone Segre (Alessandro Gassmann), un affermato chirurgo di origine ebraica, che un giorno scopre tutta la sua intolleranza quando si ritrova a non soccorrere un uomo vittima di un pirata della strada nel momento in cui scopre sul suo petto un tatuaggio nazista.

«Il film - dice il registe - racconta quello che siamo sotto la pelle. La pelle bianca, "ariana", che vorrebbero avere Marcello e i suoi amici neonazisti e quella bianca, "non ariana", di Simone. La pelle tatuata del padre di Marcello e quella marchiata del padre di Simone. La pelle "scura" dei migranti pestati a sangue nei bangla-tour e quella diafana, limpida di Marica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Mi ha fatto piacere girare un'opera prima - racconta Gassmann - che, nonostante il tema, non ha una volontà didattica. E mi fa piacere anche perché la madre di mio padre era ebrea e la mia famiglia ho avuto due persone morte nei campi di concentramento». Nei panni del personaggio, spiega poi l'attore, «io probabilmente avrei salvato l'uomo ferito. Da giovane, devo dire, ero aggressivo, ma ora credo che la cosa più importante sia capire dove nasce l'odio. Quello stesso odio che c'è nei social dove ci sono dei vigliacchi che minacciano da lontano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento