Venezia 77: è la giornata della Russia e del debutto in regia del premio Oscar Regina King

Presentato fuori concorso il primo film dell'attrice americana, ora regista, One Night in Miami. In gara la Russia con Cari compagni! di Andrei Konchalovsky e Non cadrà più la neve di Małgorzata Szumowska e Michal Englert

Andrei Konchalovsky

È il giorno della Russia alla Mostra del Cinema di Venezia questo lunedì 7 settembre con la prima del film del maestro della regia Andrei Konchalovsky che torna al Lido per la settima volta con la sua nuova opera in bianco e nero, Dorogie Tovarischi! (Cari compagni!). In concorso anche la Polonia con un interessante viaggio all'interno della psiche della società moderna in Sniegu juz nigdy nie bedzie (Non cadrà più la neve) di Małgorzata Szumowska e Michal Englert. Protagonista della pellicola è Alec Utgoff, attore noto al pubblico per essere nel cast di una delle serie tv più di successo degli ultimi anno: Stanger Things. La giornata continua con Paola Cortellesi e il suo Nilde Iotti, il tempo delle donne (Giornate degli Autori), ritratto firmato da Pater Marcias dell'esponente politica nata 100 anni fa. In serata, sarà consegnata al compositore di colonne sonore Terrence Blanchard il premio Campari Passion for Film, cui farà seguito la proiezione dell'opera prima della talentuosa attrice Regina King, che debutta dietro la macchina da presa nel film One Night in Miami (Fuori concorso, un'interessante conversazione sui diritti degli afroamericani nell'America degli anni '60.

In concorso

Torna in concorso Andrei Konchalovsky con Dorogie Tovarischi! (Cari compagni!), film in bianco e nero sulla generazione dei genitori del regista dove grandi inquadrature, volti di gente comune e il dolore di una donna fanno da cornice a una tragedia quasi epica.

«Adoro lavorare con attori che non sono attori - commenta il regista russo durante la conferenza stampa - perché sono in grado di regalare una verità che gli attori, per quanto bravi, non potranno mai avere sullo schermo. Il mio è un film in bianco e nero perché alla metà del ventesimo secolo tutto era rappresentato in bianco e nero e mi sembrava incoerente e strano fare un film che parlasse di guerra, a colori».

EhTypdgXkAAyuuL-2

In gara anche Sniegu juz nigdy nie bedzie (Non cadrà più la neve) di Małgorzata Szumowska e Michal Englert con Alec Utgoff, noto al pubblico internazionale per il suo ruolo nella serie Stranger Things. La trama ruota intorno un misterioso massaggiatore dell'est Europa che, tra sogno e realtà, sconvolge le vite di chi incontra e vuole raccontare il senso di vuoto che accomuna gli individui e che, se in passato veniva colmato con la fede, oggi ha bisogno di un altro credo per sentirsi meno soli. Il film appare come un bilancio della propria vita che le persone sono costrette a fare nel momento in cui si trovano di fronte un estraneo, un diverso, qualcuno che li fa uscire dal loro microcoscmo ed entrare in una realtà interiore dove viene messo in discussione ciò che fino ad allora si è definito certo.

«Nella società moderna - commenta Michal Englert uno dei due registi del film in conferenza stampa - c'è un grande problema di identità. Le persone hanno bisogno di sentirsi di appartenere a qualcosa e volevamo riportare nel nostro film proprio questo pezzo di umanità che appartiene al mondo di oggi e alla maggior parte delle persone che vivono la contemporaneità».

EhT_97YWoAA4GGX-2

Sempre fuori concorso c'è il corto di Alice Rorhwacher, Odissea contadina e Narciso em férias di Renato Terra e Ricardo Calil, documentario nel quale Caetano Veloso rievoca i 54 giorni passati come prigioniero della dittatura brasiliana nel 1968. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I documentaristi Martina Parenti, Massimo D'Anolfi competono in Orizzonti con Guerra e Pace sull'ultracentenaria relazione tra cinema e guerra. Alle Giornate degli Autori sono i gara i Fratelli de Serio con Spaccapietre con Salvatore Esposito (Gomorra), storia di lotta quotidiana per la sopravvivenza di un padre e un figlio. Tra gli altri eventi della giornata l'incontro in streaming con Dario Argento (assente al Lido), Premio Bianchi 2020 del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici.

I film in gara oggi alla Mostra

  • Cari compagni! di Andrei Konchalovsky (Venezia 77)
  • Non cadrà più la neve di Małgorzata Szumowska e Michal Englert (Venezia 77)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento