Venezia 77: è la giornata di Salvatore Mereu e Luca Guadagnino

La quinta giornata di festival vede protagonista l'Italia con due registi d'eccezione che presentano al pubblico le loro pellicole fuori concorso. In gara, invece, Khorshid (Sun Children) di Majid Majidi e The World to Come di Mona Fastvold

Luca Guadagnino (foto Biennale)

È la giornata degli italiani quella di oggi alla 77. mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. A presentare al pubblico le loro nuove pellicole fuori concorso ci sono due dei più noti registi italiani: Salvatore Mereu con Assandira e Luca Guadagnino che sperimenta la forma del documentario con un film sulla vita di Salvatore Ferragamo, Salvatore - The shoemaker of dreams. 

Luca Guadagnino e Salvatore Ferragamo: due "outsider" diventati fuoriclasse

Quello presentato da Luca Guadagnino è un lungo documentario che racconta con grande veridcità la vita e le grandi innovazioni di un uomo che partendo da meno di zero ha saputo costruire un impero basato su una grande passione: quella di dare alle donne comodità senza rinunciare alla bellezza.

«Ho iniziato questa collaborazione con la famiglia Ferragamo qualche anno fa quando ho abuto modo di leggere la biografia di Salvatore e ho bsubito pensato che farne un film sarebbe stato stupendo - sostiene Luca Guadagnino durante la conferenza stampa -. Ho voluto far incrociare due mondi così distanti ma vicini come il mondo del cinema e della moda e dopo aver raccolto una serie di materiali di archivio sia interni sia esterni alla collezione ferragamo ho pensato che volevo buttarmi in un pezzo di storia della moda ma anche del cinema».

Per certi versi ci sono delle assonanze tra la vita di Ferragamo e lo stesso Guadagnino, due uomini che da un paesino del sud si fanno strada e si impongono nel mondo artistico internazionale. Il regista di origini siciliane, infatti, non nasconde un suo riconoscersi in qualche modo nell'esperienza del genio delle scarpe ma ciò che lo avvicina di più a Ferragamo è più un suo sentirsi un outsider nella vita. 

«Non oserei mai paragonare la mia esperienza con quella di Ferragamo, certamente lui è stato sempre un fuoriclasse ma in qualche modo anche un outsider e questo è un lato che mi affascina molto di lui in quanto io stesso mi considero tale». 

Il film, in sé, oltre che essere il racconto della vita di un uomo geniale sembra essere anche un omaggio alla storia del cinema raccontando, attraverso la vita di Ferragamo, anche le origini di una Hollywood che, anche grazie al lavoro di Ferragamo, inizia a fare capolino nel mondo cinematografico americano e internazionale. 

EhOY2mJXsAAtBwM-3

Assandira: un trhiller poliziesco che apre il dibattito sul turismo di massa in Sardegna 

Assandria è la trasposizione cinematografica diretta da Salvatore Mereu del romanzo omonimo dell'antropologo Giulio Angioni. Presentato oggi fuori concorso alla 77. mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, la pellicola del regista sardo porta alla luce un problema contemporaneo con cui la sua regione è costretta a interfacciarsi da diversi anni: la svendita delle tradizioni e della cultura territoriale per favorire un turismo di massa. Quella fatta da Mereu è una sorta di inchiesta che però non vuole giudicare ma far emergere una conversazione su un tema molto caro ai sardi e il regista lo fa celando le tematiche più profonde del film dietro una storia universale, quella del rapporto tra un padre e un figlio.

«Il mio film non vuole essere una storia meramente regionale - commenta il regista durante la conferenza stampa -.Parto dalla Sardegna ma voglio parlare a un pubblico più vasto. Racconto la storia di un territorio che conosco, il mio anche perché, come dice Tolstoy "racconta bene il tuo villaggio e vedrai che arriverai al mondo", ed è proprio quello che ho cercato di fare».

Come un gioco di scatole, il film, mantiene la struttura poliziesca del romanzo, che sul grande schermo ha il potere di tenere alta l'attenzione dello spettatore e porta a galla come lo sfruttamento del territorio sardo con il fine turistico sia stato un atto troppo aggressivo che ha minato l'essenza stessa della terra sarda.  

«Che certe modi di sfruttamento del nostro territorio sono stati aggressivi e non hanno portato a nulla mi pare evidente - ribadisce Mereu . Certo, non nego che l’industria turistica ha portato diversi guadagni per la mia regione ma c’è bisogno di trovare un equilibrio che non faccia saltare l’ordine preesistente delle cose». 

EhOypfyXcAIDR5t-2

Doppietta per Vanessa Kirby: dopo Pieces of a Woman è protagonista di The World to Come con Casey Affleck

Tra i grandi protagonisti della giornata di oggi al Lido di Venezia c'è The Wold to Come, il film di Mona Fastvold tratto dal romanzo di Jim Shepard che vede il ritorno di Vanessa Kirby sul grande schermo che, proprio due giorni fa, aveva incantato il pubblico di Venezia con la sua straordinaria performance in Pieces of a Woman. Tra i protagonisti del film anche l'attore statunitense Casey Affleck, la star più internazionale presente in questa edizione del festival. Si tratta di una storia struggente e romantica che racconta l'amore tra due donne che toccano, in un momento di fuga dalla propria quotidianità, la felictià. L'amore, però, non è destinato a diventare parte della realtà di queste due donne ma resta, vivo, nel loro immaginario e nelle parole del diario di una delle due protagoniste. Ambientato nell'entroterra americano nei primi anni del '900, questo film risuona come la ricerca di una libertà da parte di due donne intrappolate nel loro ruolo di mogli.

«Mi sono chiesta non di rado cosa ne sarebbe stato del personaggio che interrpeto in un'epoca diversa - commenta Vanessa Kirby durante la conferenza stampa -. Mi sento molto grata di aver interpretato questo ruolo perché mi ha fatto capire che è grazie a queste donne se io, oggi, sono libera di scegliere». 

EhPFU0DWoAM0hgq-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I film in concorso

  • Khorshid (Sun Children) di Majid Majidi
  • The World to Come di Mona Fastvold

Potrebbe interessarti:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento