menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Inaugurazione Melu a Mirano

Inaugurazione Melu a Mirano

Due botteghe in centro a Mirano si reinventano per ripartire

Nel negozio di scarpe e abbigliamento spuntano i fiori, mentre l’ortofrutta diventa “casoìn” 

Nel negozio di scarpe e abbigliamento spuntano i fiori, mentre l’ortofrutta diventa “casoìn” con i salumi e i formaggi. Due botteghe in centro a Mirano diventano laboratorio di novità e provano a rilanciare diversificando l'offerta. Due attività conosciute, che aderiscono a Confcommercio del Miranese, vogliono ripartire reinventandosi e stuzzicando la curiosità dei clienti. 

Roberto Rossato ha rivisitato il proprio negozio di calzature e abiti. «L’idea – spiega – è quella di creare un ambiente emozionale. Ho voluto dare una svolta al concetto di negozio: non più un luogo dove fare acquisti, ma uno spazio per offrire prodotti di vario genere, dalle calzature all’abbigliamento, dalla pelletteria ai profumi, ma anche piante e fiori, spazio per workshop, vendita di oggetti per la casa e altro, il tutto in un’ambientazione evocativa». Un nuovo punto vendita votato all’esperienza dello shopping, coinvolgente. «L’obiettivo – prosegue Rossato – è aumentare le occasioni di visita e il tempo medio di permanenza. È l’essenza del “concept store”, il punto vendita disegnato sui principi dell’esperienza al dettaglio, che rivoluziona le abitudini d’acquisto».

Poche centinaia di metri più in là sperimenta nuove frontiere del commercio anche la Frutticola Melu, presente da oltre un secolo a Mirano. L’attività, portata avanti da Ugo Pandrin e Luigina Zampieri, è stata rivisitata, accogliendo nuovi prodotti che la grande distribuzione solitamente non offre. Accanto a frutta e verdura ora anche formaggi, salumi, carne, gastronomia, conserve, vini. «Praticamente – spiega Pandrin – abbiamo riportato in vita il casoìn di una volta. Puntiamo a essere un servizio per la città e la piazza, offrendo generi di prima necessità ma nel contempo anche la possibilità di riscoprire sapori che non si trovano più nei negozi di alimentari». Anche qui la ricetta è diversificare, ripartire con nuove idee, portare nuovi clienti e allargare la cerchia di potenziali fidelizzati consumatori. «Cerchiamo di essere all’avanguardia a modo nostro – conclude Pandrin – per dare un servizio alla clientela, con passione e nuove idee» (sotto: foto Roberto Rossato di “Donna Shoes and Accessories”).

Roberto Rossato-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento