Nicola Bragato nuovo primario di chirurgia all'ospedale di San Donà

Andrà a sostituire Paolo Sorrentino. Prima lavorava all'Angelo di Mestre

Arriva dall'ospedale dell'Angelo, ha 57 anni e il 2 novembre prenderà servizio come nuovo direttore della Chirurgia all’ospedale civile di San Donà di Piave: Nicola Bragato andrà a sostituire Paolo Sorrentino, andato in quiescenza.

La sua carriera

In questi giorni il direttore generale Carlo Bramezza ha formalizzato l'incarico. Bragato si è laureato all'Università di Padova in Medicina e Chirurgia dove ha ottenuto anche la specializzazione in Chirurgia Generale. La sua carriera è iniziata all’ospedale di Noale, poi ha lavorato a Mirano, Dolo e attualmente all'Angelo di Mestre dove ci occupa di chirurgia generale e di chirurgia senologica; sempre qui Bragato fa parte del team della chirurgia d’urgenza. «Sicuramente il mio primo obbiettivo sarà quello di mantenere elevato il livello di professionalità in questo reparto, valorizzando le professionalità già presenti e collaborando con i colleghi delle altre unità operative ospedaliere», dice Bragato.

In aumento l'attività senologica

Un medico che «ha tutte le capacità per continuare il buon lavoro svolto dall'ex primario Sorrentino – dice, invece, il direttore generale dell'azienda sanitaria, Carlo Bramezza -. La sua esperienza nella chirurgia senologica consentirà inoltre di proseguire anche questa specialità mantenendo l'elevato standard delle prestazioni. Per la senologia è stato attivato un percorso diagnostico terapeutico e assistenziale che ha prodotto un importante incremento di prestazioni e contemporaneamente la sensibile riduzione delle “fughe” per le cure in altre aziende sanitarie, anche fuori regione». L'attività senologica dell’Ulss4 nel 2019 è aumentata del 23 per cento rispetto all'anno precedente, se il confronto viene esteso all'anno 2015 l’incremento dell’attività sale addirittura al 60 per cento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento