Venerdì, 19 Luglio 2024
Attualità

Si chiude il primo anno di #nonsolocompiti, laboratori e sostegno allo studio per 250 studenti

Presentati nell’Auditorium di M9 i risultati del progetto della Fondazione di Venezia. In tutta la provincia sono nati spazi educativi e ricreativi gratuiti dedicati agli studenti dagli 11 ai 14 anni. Ora si pensa alla seconda edizione

Duecentocinquanta ragazze e ragazzi, 24 educatori, 1.300 ore di laboratori: sono i numeri del progetto #nonsolocompiti, ideato e promosso dalla Fondazione di Venezia, che negli ultimi 8 mesi ha permesso a studenti dagli 11 ai 14 anni di riempire il tempo lasciato libero dalla scuola con momenti di sostegno allo studio, gestione dei compiti, laboratori creativi, socialità. Il tutto in appositi spazi "protetti" che sono stati individuati grazie alla collaborazione di scuole, parrocchie, comuni e associazioni.

L'iniziativa, che ha il patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Venezia, è stata attivata su tutta la città metropolitana. Partito nello scorso mese di ottobre, in concomitanza con il consolidamento dell’avvio delle attività scolastiche, il progetto è stato realizzato in collaborazione con le Fondazioni di Comunità Clodiense Onlus, Riviera Miranese, Santo Stefano Onlus e Terra d’Acqua Onlus. Le attività di progetto sono state affidate a cinque associazioni capofila: la Società Cooperativa Sociale SUMO, la Cooperativa Sociale Onlus Itaca, la Cooperativa Sociale Onlus Titoli Minori, la Cooperativa di Solidarietà Sociale Giuseppe Olivotti e l’associazione di promozione sociale La Sfera di Pistacchio. Otto i comuni aderenti, a partire da Venezia con Mestre e Marghera, poi Cinto Caomaggiore, Pramaggiore, Annone Veneto, Gruaro, Chioggia, Vigonovo, Campolongo Maggiore, Santa Maria di Sala, San Donà di Piave. Dieci gli spazi aggregativi messi a disposizione dei partecipanti: lo spazio LabRialto del Comune di Venezia in Centro Storico, M9 – Museo del ’900 a Mestre, la scuola IC Colombo di Chirignago, l’Istituto Comprensivo Ippolito Nievo a Cinto Caomaggiore, l’Istituto Comprensivo Chioggia 4 Scuola Media Statale Nicolò De Conti a Sottomarina di Chioggia, le Opere parrocchiali della Madonna della Navicella a Chioggia, il centro aggregativo Argento Vivo a Vigonovo, il centro aggregativo Area Libera a Campolongo Maggiore, Villa Farsetti a Santa Maria di Sala, la sede de La Sfera di Pistacchio a San Donà di Piave. 

Particolarmente articolate e differenziate le proposte artistiche e ricreative attivate nelle diverse sedi. Si va, infatti, dai laboratori teatrali a quello di musica, dal laboratorio di lettura a quello per il benessere emotivo, dal cineforum ai giochi da tavola, dal laboratorio di scrittura all’attività sportiva, fino al laboratorio dedicato alla convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. A sostegno delle associazioni, per lo sviluppo delle attività sono intervenuti diversi partner, tra i quali la libreria Il Gatto con gli Stivali a Mestre, l’Associazione Lirico Musicale Clodiense, le associazioni di promozione sociale Salute Mia a Chioggia e Atto Gentile a San Donà di Piave e, sempre a Chioggia, il Circolo Nautico. Una complessa rete di relazioni e di protagonisti che il progetto #nonsolocompiti intende ora rafforzare, lanciando per l’anno scolastico 2022-2023 una seconda edizione in cui, facendo tesoro dell’esperienza, sarà reso più capillare e continuativo il rapporto con scuole, insegnanti e genitori, con l’obiettivo di essere ancor più efficaci nella risposta ai bisogni scolastici degli studenti, e a prevedere nuovi momenti di formazione per gli educatori.

«La disponibilità di luoghi e servizi per gli adolescenti, il loro sviluppo personale e relazionale oltre la scuola – sottolinea Michele Bugliesi, presidente della Fondazione di Venezia – è un’esigenza sempre più sentita dalle famiglie e dalle stesse istituzioni scolastiche. Con #nonsolocompiti abbiamo dato vita a un esperimento di successo, che ha contribuito a costruire un modello di cooperazione e una comunità educante capaci di interventi efficaci e competenti. La sfida ora è far crescere il progetto, dotandolo di risorse adeguate a sostenere la replicabilità delle attività e a estendere la rete di soggetti e istituzioni coinvolte.  Un ringraziamento sincero e sentito a chi ci ha accompagnato in questa prima edizione e alle famiglie e ai ragazzi che hanno reso #nonsolocompiti un’esperienza preziosa di crescita, per tutti noi».

«Anche i ragazzi inizialmente più restii si sono poi aggregati a #nonsolocompiti – dichiara Monica Nobile, coordinatrice del progetto – e hanno frequentato con regolarità ed entusiasmo. Il valore aggiunto dell’iniziativa è stata la socializzazione e un netto miglioramento nelle competenze non solo scolastiche, ma anche trasversali consolidate attraverso i momenti di gruppo e di aggregazione. Da questo primo anno abbiamo colto molte indicazioni e riflessioni per partire il prossimo con un coinvolgimento ancor più significativo avvalendoci della collaborazione di insegnanti, dirigenti, operatori sociali».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si chiude il primo anno di #nonsolocompiti, laboratori e sostegno allo studio per 250 studenti
VeneziaToday è in caricamento