rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità Spinea

Inaugurata la nuova piscina di Spinea, 40 anni dopo la città ha il suo impianto

Un’opera che avrà soprattutto un alto valore sociale oltre che sportivo

Si è svolta questa mattina la cerimonia inaugurale con il taglio del nastro e la benedizione della nuova piscina di Spinea. Un'inaugurazione limitata solo agli invitati, per rispettare le restrizioni pandemiche, con l'organizzazione di alcune visite guidate per i cittadini nel pomeriggio.

«Purtroppo non siamo riusciti ad avere la nostra campionessa Federica Pellegrini perché impegnata in Cina per le Olimpiadi Invernali quale membro del Comitato Olimpico Internazionale. Speriamo di averla tra noi in una prossima occasione. Ai cittadini consegniamo un’opera che avrà soprattutto un alto valore sociale oltre che sportivo» afferma Massimo Franco, presidente e amministratore delegato della società “Tempo Libero” che gestisce l’area che ospiterà anche residenze e attività commerciali e terziarie in genere. Erano presenti anche atleti e testimonial anche del settore paralimpico, a testimonianza dell’inclusività della struttura, come il campione paralimpico Luigi Beggiato. 

«È un risultato che mi emoziona - ha aggiunto il sindaco Martina Vesnaver – portare la piscina a Spinea, che inizia ad essere attrattiva sul profilo di tutti i servizi, era un impegno che ci eravamo presi con particolare attenzione. L’impianto natatorio qui era atteso da 40 anni, cioè fin dalla mia infanzia, ed oggi è realtà. So che stiamo navigando controcorrente, in un momento storico economico e sociale, che sta assistendo alla crisi, purtroppo, anche di queste strutture, ma sono sicura che la città di Spinea risponderà positivamente a questa nuova sfida e darà grandi soddisfazioni».

«Con il Comune di Spinea e la Tempo Libero abbiamo trovato un’unità d’intenti fin dal primo approccio – dice Matteo Melzi, responsabile della gestione Aquamore delle piscine –. Non dimentichiamo la convenzione trentennale con il Comune che prevede tariffe scontate per i residenti, per le scuole e addirittura gratuite per alcune categorie di disabili. Contiamo di portare anche a Spinea la qualità del nostro modello gestionale, in un centro nuovo, estremamente accogliente e su misura per le esigenze di tutta la popolazione, dai più piccoli, agli sportivi e alla Terza e Quarta età. Da parte nostra lavoreremo duramente per rendere il centro un punto di riferimento importante per tutto il territorio». I saluti della Città metropolitana li ha portati il delegato del sindaco Luigi Brugnaro, Saverio Centenaro, parlando dello sport come elemento di rafforzamento e socialità anche per i giovani. L'eurodeputata Rosanna Conte ha ricordato il progetto della candidatura a Spinea a città dello Sport 2023, cui ha lavorato.

Giornata storica per Spinea, inaugurato l'impianto natatorio

L'intervento complessivo si sviluppa su 87mila metri quadrati di terreno. 24 mila circa sono già stati espropriati a suo tempo e utilizzati dalla Regione per realizzare la strada, i parcheggi e le opere complementari alla stazione ferroviaria. L'area oggetto di intervento vero e proprio è quindi di 63 mila metri di cui oltre 30 mila sono aree a destinazione pubblica, quindi strade, verde e parcheggi. L’area relativa alla piscina è di 7 mila metri quadri. L’edificio si sviluppa per la maggior parte su un unico piano. Solo una parte occupa anche il primo piano. C’è una vasca semi olimpionica di 25 metri con una profondità che varia da un metro e 35 a uno e 65; una seconda vasca didattica di 12 metri per 6. E ancora una vasca più piccola dedicata appunto alla riabilitazione. La progettazione dell’impianto è stata dello Studio “Teco+” di Bologna. A realizzare l’impianto è stata l’azienda “Myrtha Pools” leader mondiale nel settore delle piscine (che ha realizzato anche la piscina olimpionica dell’università Bocconi di Milano). La gestione sarà della società “Aquamore”. L’investimento complessivo ammonta a 4 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurata la nuova piscina di Spinea, 40 anni dopo la città ha il suo impianto

VeneziaToday è in caricamento