menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Actv, pronti 31 nuovi bus super accessoriati con display e prese usb: costo 8,5 milioni

Sono stati presentati venerdì mattina, altri 29 in arrivo a gennaio. Emissioni pari a quelle dei mezzi a metano. "Lavoriamo a un grande piano per la mobilità sostenibile"

Trentuno nuovi autobus di ultima generazione entrano a far parte della flotta Actv. Mezzi dotati delle tecnologie più moderne per svecchiare l'offerta del trasporto pubblico: la cabina dell’autista è protetta, apribile solo dall’interno, ci sono prese usb per mettere in carica i dispositivi elettronici e monitor per segnalare le fermate lungo il percorso. Mentre la doppia alimentazione, a gasolio e urea, permette di eliminare quasi completamente le particelle di particolato, tanto che le emissioni sono uguali a quelle dei mezzi a metano.

Piano di rinnovamento

I "gioiellini" sono stati presentati venerdì nel parcheggio del campo sportivo Taliercio a Mestre, alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, dell’assessore alla Mobilità, Renato Boraso, del direttore generale del gruppo Avm Giovanni Seno, e del presidente di Actv Spa, Luca Scalabrin. Scalabrin ha specificato: "Questo è il primo lotto di nuovi acquisti, che prevede l'arrivo di altri 29 mezzi a gennaio 2019. Si tratta di autobus da 12 metri e 18 metri, destinati sia alla rete urbana che extraurbana, super accessoriati. Proseguendo con i piani di rinnovamento dell’azienda saremo in grado di abbassare la media di età dei nostri autobus intorno ai 13 anni”.

Trasporto sostenibile

"Verranno utilizzati sulle 8 linee di forza, tra urbane e extraurbane, sulle quali viaggia l’80, 90% dei passeggeri - ha aggiunto Seno - L’investimento per questi primi 31 mezzi è di 8,5 milioni di euro, di cui 3,5 finanziati da fondi nazionali ripartiti dalla Regione Veneto e da fondi POR-FESR, per un totale di 17,5 milioni, compresi i mezzi che arriveranno a gennaio". "Un grazie di cuore - ha sottolineato il sindaco Brugnaro - a tutto il gruppo Avm, al personale in primis, autisti, meccanici e controllori che fanno il loro lavoro a volte anche in situazioni difficili. È un sistema che continua a funzionare anche grazie all’integrazione tra trasporto su gomma, acqua e ferro. Per offrire più servizi ai cittadini, per permettere loro di spostarsi con facilità, dobbiamo continuare a lavorare ad un grande piano della mobilità, in cui al trasporto pubblico si affianchi quello privato e quello sostenibile, come quello su bicicletta o su auto elettriche". Infine un appello ai cittadini: “Questi autobus sono nuovi e devono rimanere tali. Chi danneggia un bene pubblico toglie qualcosa a tutta la comunità. Usiamoli rispettando il mezzo, il conducente e gli altri passeggeri".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento