Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità

Navi, nuovi dispositivi consegnati ai piloti per una navigazione più sicura

I nuovi strumenti consentiranno ai piloti di svolgere correttamente la loro attività disponendo di dati molto precisi e in anticipo rispetto all’andamento della nave

Antenne, software, laptop e tablet che sono in grado di indicare e individuare la posizione di una nave con estrema precisione e in tempo reale, e di prevederne la posizione nei secondi immediatamente successivi alla manovra. Sono i nuovi strumenti a disposizione dei piloti degli scali veneti consegnati oggi dall'autorità di sistema portuale e dalla capitaneria di porto di Venezia e Chioggia. Tre nuove unità in ausilio alla navigazione che permetteranno ai piloti di svolgere correttamente la loro attività disponendo di dati molto precisi e in anticipo rispetto all’andamento della nave, grazie all’utilizzo di cartografie ad altissima precisione appositamente realizzate con specifiche tecnologie per le funzionalità dei nuovi dispositivi.

«L’accessibilità nautica degli scali veneti – dice il presidente dell’AdSP Mas Fulvio Lino Di Blasio - è una priorità e un tema che stiamo trattando a livello trasversale, sia sotto il profilo operativo che per quanto riguarda l’innovazione e la digitalizzazione. Grazie al progetto Intesa consegniamo ai nostri piloti dei sistemi di altissima tecnologia, che al momento rappresentano strumenti di navigazione tra i più all’avanguardia del mercato, e sono in grado di indicare e individuare la posizione della nave con estrema precisione, di fatto migliorando l’accessibilità dei porti di Venezia e Chioggia, andando a consolidare la rete di condivisione dei dati tra i porti del Nord Adriatico e in piena coerenza con le priorità nazionali e con gli obiettivi dell’UE di un’Europa più connessa, più verde e a basse emissioni di carbonio».

Soddisfazione anche da parte del comandante del porto, l’ammiraglio Piero Pellizzari: «Tracciamo un passaggio importante per migliorare l’accessibilità dei nostri scali - dice -. Sono molti gli interventi che possiamo mettere in campo per migliorare l’accessibilità a Venezia e Chioggia ed esiste una forte spinta da parte di tutto il cluster logistico e portuale ad andare sempre più verso un porto regolato H24».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Navi, nuovi dispositivi consegnati ai piloti per una navigazione più sicura

VeneziaToday è in caricamento