rotate-mobile
Attualità Mestre

Cisl, dopo Bizzotto a Venezia il segretario è Michele Zanocco

Si è insediato all'unanimità dei voti del Consiglio stamattina. «Il lavoro e l’inclusione sociale gli obiettivi primari. Concertazione e contrattazione assi portanti del confronto con le istituzioni e le imprese. Revisione dell'industria in un processo che guarda alla transizione energetica»

Paolo Bizzotto della Cisl stamattina ha passato il testimone al nuovo segretario provinciale del sindacato veneziano che è Michele Zanocco, votato all’unanimità dall’assemblea del Consiglio al Novotel di Mestre. Veneziano, 56 anni, Zanocco ha lavorato presso la Fochi Filippo spa, azienda di costruzione e manutenzione di impianti petrolchimici, e successivamente alla Speedline, fonderia del comparto automotive. Operatore sindacale di Fim Cisl Padova nel 1995, è stato eletto nel 1999 segretario di Fim Cisl Venezia, ruolo che ha tenuto sino al 2008 quando è entrato a far parte della segreteria regionale e nel 2013 in quella nazionale di Fim Cisl. 

«Venezia è un territorio delicato e fragile ma ha delle potenzialità inespresse da tempo, come il tema della portualità centrale per tutto il nordest, il Petrolchimico di Porto Marghera che è un'opportunità per il Paese e va rivisto dentro un'ottica verde e compatibile, il turismo e il commercio, assi portanti del nord Italia, così come la viabilità e la revisione dell'industria in un processo di cambiamento che guarda alla transizione energetica per ricostruire una prospettiva storica. La concertazione e la contrattazione devono essere asse portante del confronto con le istituzioni e le imprese del territorio», ha detto. Il sindacato è impegnato con gli altri confederali, Cgil e Uil, in una mobilitazione che culminerà sabato a Mestre in una manifestazione in piazza Ferretto per chiedere al governo di cambiare i contenuti della legge di Stabilità: pensioni, fisco e scuola. 

«Una delle grandi peculiarità di Venezia è rappresentata dalla risonanza nazionale e regionale di molti dei temi affrontati - continua Zanocco - Ne sono esempio le vicende del Mose per quanto riguarda il tema della portualità e della laguna. Ma anche il territorio della Città metropolitana è ricco di periferie che devono essere considerate e aiutate con una nuova visione di welfare sociale e di comunità per non lasciare ai margini nessuno, a partire dai molti anziani destinati ad aumentare esponenzialmente». E in riferimento alla transizione energetica e alla sostenibilità ambientale il segretario sottolinea: «Il lavoro e l’inclusione sociale saranno sicuramente gli obiettivi primari, che dovranno essere alla base dell’azione sindacale dei prossimi anni per garantire che la transizione sia giusta e solidale».

«Sono contento e mi sento privilegiato di poter chiudere la mia esperienza sindacale con il prestigioso incarico di segretario generale di Cisl Venezia e per questo voglio ringraziare tutto il gruppo dirigente che mi ha permesso di farlo fino ad oggi - ha detto l'ex segretario Paolo Bizzotto - Una Cisl da sempre impegnata nel territorio metropolitano con idee, progetti e impegni per il lavoro, negli ambiti economici e sociali, nell’interesse dei nostri lavoratori e pensionati iscritti, per un lavoro e una vita dignitosa, a beneficio di tutta la comunità. Sono convinto che Michele Zanocco con le sue importanti capacità e competenze e la sua lunga esperienza saprà garantire il protagonismo di Cisl Venezia».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisl, dopo Bizzotto a Venezia il segretario è Michele Zanocco

VeneziaToday è in caricamento