Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aperto il sottopasso ciclabile che collega via Olimpia e il centro di Mestre alla Gazzera | VIDEO

Attivo anche un parcheggio nelle vicinanze. Procedono intanto i lavori delle nuove fermate della Sfmr (Olimpia/Mestre Centro e Gazzera), che dovrebbero essere completati nel 2021

 

I cantieri «eterni» legati alla sfmr (sistema ferroviario metropolitano regionale) tra la Gazzera e via Olimpia, a Mestre, sono arrivati ad un primo risultato concreto: l'inaugurazione, avvenuta stamattina, del sottopasso ciclopedonale che "prolunga" via Olimpia, scorre al di sotto della ferrovia e porta all'area verde retrostante, creando un nuovo collegamento tra il centro di Mestre (area ex Umberto I - piscine comunali) e la zona della Gazzera, oltre che di Zelarino.

«Il progetto è ancora lungo - ha commentato il sindaco Luigi Brugnaro - bisognerà concludere i sottoservizi e la stazione, ma intanto abbiamo portato a casa un risultato: riaprire la circolazione di queste zone, un intervento utile per i cittadini della Cipressina, Zelarino, Gazzera e Miranese. Qui c'è un parcheggio importante per raggiungere il centro di Mestre, il sottopasso è operativo ma soprattutto si percepisce un'idea di città: partendo dall'ex ospedale si può continuare fino a Zelarino, lungo tutto il parco del Marzenego. Qui, grazie ai fondi dei bandi periferie, abbiamo finanziato le stazioni, abbiamo "costretto" le Ferrovie a riaprire i cantieri dopo tanto tempo di stop». Si parla delle due nuove stazioni-fermate di via Olimpia e Gazzera, che rientrano nel grande progetto della metropolitana di superficie. «Penso che saranno pronte tra un anno», ha detto. «L'obiettivo resta costruire la sfmr: intanto attrezziamo le fermate, questa sarà una metropolitana per la città metropolitana».

Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha definito il cantiere un «cadavere eccellente». Il progetto, avviato da qualche anno, aveva subito un blocco a causa di gravi problemi interni delle aziende che avevano ottenuto l'appalto. Si è quindi proceduto, nel 2018, ad un accordo tra Comune di Venezia e Regione Veneto per portare a termine i cantieri. Per il completamento del raccordo Brendole/Castellana la Regione ha investito 3milioni e 265mila euro, mentre altri 4milioni e 750mila euro sono di competenza di Rfi per la realizzazione delle opere ferroviarie. A Veneto Strade, società della Regione Veneto, competono i lavori di completamento e ultimazione della stazione di via Olimpia per circa 3milioni e 600mila euro, a cui vanno aggiunti 55mila euro per il ripristino dei campi da tennis del Club Mestre di via Olimpia, usati come area di cantiere.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento