L'arte di Pomodoro a San Servolo, un disco di tre metri accoglie i visitatori dell'isola

Un'opera voluta dalla Venice International University e arrivata da Milano, che si aggiunge alla prestigiosa collezione dell'istituzione. Presente anche il sindaco Luigi Brugnaro

E' stata collocata nel punto di maggiore visibilità, all’approdo dei natanti, e non mancherà di attirare l'attenzione e suscitare ammirazione. A San Servolo è stata inaugurata mercoledì l’opera monumentale di Arnaldo Pomodoro dal titolo "Il disco in forma di rosa del deserto", una scultura del diametro di oltre tre metri concessa in prestito dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano alla Venice International University, che ha sede sull'isola veneziana.

"Testimonianza di bellezza"

Un motivo di vanto in più per l'istituzione, anche perché l'artista ha fama planetaria. "Siamo fieri di questa concessione - ha detto il presidente della International University, l’ambasciatore Umberto Vattani - che rappresenta, simbolicamente, una testimonianza di bellezza nella desolazione della distesa di sabbia. Il messaggio si trasforma quasi in un monito di rispetto verso la magnificenza di Venezia e la fragilità della laguna". L'opera ha anche ispirato uno speciale benvenuto: il prossimo autunno, è stato annunciato, il maestro Paolo Olmi dirigerà sull'isola la Young musicians european orchestra, reduce dalle tournée in Palestina, Israele e Iran.

Collezione prestigiosa

L'opera di Pomodoro (realizzata nel 1993) si aggiunge alla collezione già prestigiosa della International University, che comprende anche quelle di Pietro Consagra, Sandro Chia, Oliviero Rainaldi, Fabrizio Plessi, Han Mellin. Presenti alla cerimonia di mercoledì anche il presidente della San Servolo Servizi, Andrea Berro, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e il questore Danilo Gagliardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento