Spiagge, specialisti Ulss 3 a fianco degli operatori del turismo: «Così si riparte»

L'incontro di oggi all'ospedale di Chioggia. Affrontati aspetti tecnici: distanziamento, servizi alla somministrazione di cibi e bevande, aree per il gioco, locali comuni e pernottamento

Gli specialisti Ulss 3 a fianco degli operatori balneari per percorrere strade sicure verso la riapertura delle spiagge. Oggi, domenica 10 maggio, l'incontro organizzato dall'Ulss in Villa Verde all'ospedale di Chioggia. «Questa è una fase in cui opportunità e incertezza si rincorrono - ha sottolineato il direttore generale Ulss 3 Giuseppe Dal Ben - anche per chi opera nel settore dell'offerta turistica e balneare. L'azienda sanitaria veneziana ha inteso garantire appoggio al settore e in particolare l'affiancamento del dipartimento di prevenzione».

Sicurezza e qualità

Nei giorni scorsi, nel corso di un incontro con tutti gli operatori balneari di Sottomarina, allargato poi in videoconferenza agli albergatori e agli operatori delle spiagge veneziane, l'azienda sanitaria ha ascoltato le esigenze di questo settore fondamentale dell'economia del territorio. «Due gli impegni che abbiamo assunto nei confronti di questo comparto - ha spiegato Dal Ben - : in primo luogo abbiamo voluto mettere a disposizione tutte le competenze sanitarie per accompagnare gli operatori ad attuare modalità operative praticabili, economicamente sostenibili, e graduabili nel tempo con il modificarsi delle condizioni, che tutti speriamo possano continuamente migliorare; in secondo luogo l'Ulss 3 si è impegnata a certificare il rispetto, da parte degli operatori e degli stabilimenti, delle normative che saranno adottate, affiancando le amministrazione comunali e insieme a loro garantendo la qualità del servizio offerto dalle nostre spiagge, a vantaggio degli ospiti che le frequenteranno e degli stessi operatori».

Aspetti tecnici

Azienda sanitaria e operatori balneari hanno affrontato aspetti tecnici che le strutture ricettive e gli stabilimenti balneari si preparano ad affrontare, nel rispetto delle normative attuali e future, dal tema degli accessi a quello del distanziamento, dall'utilizzo dei servizi alla somministrazione di cibi e bevande in spiaggia, dalle aree attrezzate per il gioco ai locali comuni e per il pernottamento. Le norme che devono regolare tutta l'attività - ha concluso il direttore - saranno attuate con efficacia e sicurezza nella collaborazione tra specialisti della prevenzione e igiene pubblica e gestori e operatori dell'ambito turistico-balneare, come è sempre stato».

Foto: il direttore Dal Ben con gli operatori balneari di Chioggia in uno dei recenti incontri tra azienda sanitaria e comparto del turismo pre-emergenza Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ChioggiaIncontroOperatori1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Coronavirus, il bollettino di oggi: dati del contagio in Veneto e provincia di Venezia

  • Marea a 135, meteo in peggioramento: le paratoie si alzeranno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento