Festività, rimborsi e formazione: accordo raggiunto per 600 lavoratori della Codess

Operano nelle case di riposo, asili, nell’assistenza sanitaria di tutto il Veneziano: «Traguardo importante, da ora informazione trasparente». La vertenza iniziata a dicembre scorso

Si è concluso con un accordo il confronto tra la Funzione Pubblica Cgil e la cooperativa Codess Sociale, iniziato lo scorso dicembre con lo stato di agitazione del personale. «Si tratta di un accordo che riguarda i quasi 600 lavoratori della cooperativa impiegati nel Veneziano in numerose case di riposo, servizi di integrazione scolastica e assistenza domiciliare, nell’assistenza sanitaria, negli asili nido e materne di vari Comuni – spiega Italia Scattolin di Cgil Funzione Pubblica, che ha condotto le trattative in questi mesi – e siamo soddisfatti del risultato ottenuto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I contenuti

«È un’intesa - prosegue la dirigente sindacale - che rafforza i rapporti sindacali, e impegna l’azienda a procedere in maniera trasparente nelle esternalizzazioni e nell’informazione ai lavoratori attraverso tavoli tecnici di struttura, oltre a valutare periodicamente un ulteriore contenimento sugli importi delle quote sociali. Premesso che per il riconoscimento dei giorni di ex festività verrà applicata la norma prevista dal Ccnl, nell’accordo viene disciplinata in modo chiaro la banca delle ore e viene garantito al personale il monte ore contrattualmente previsto. Al personale dei servizi di integrazione scolastica verrà riconosciuto un aumento del rimborso chilometrico. Gli operatori inoltre troveranno un buono pasto più ‘ricco’, oltre ad aver riconosciute le ore di formazione obbligatoria all’interno del proprio orario di lavoro o comunque remunerate. Inserita la possibilità di riconoscere, valutando struttura per struttura, un’indennità specifica ai lavoratori che ricoprono la figura di referente di piano. Riteniamo - conclude - che questo accordo, il primo in regione e in Italia, possa rappresentare un esempio per uniformare a livello più esteso le condizioni del personale di una cooperativa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento