menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All'ospedale di Portogruaro 475 interventi chirurgici in due mesi

Il dato più importante in urologia e chirurgia. I dettagli relativi al periodo marzo-aprile

Sono 475 gli interventi chirurgici totali effettuati all'ospedale di Portogruaro dal primo marzo ad oggi. Un'attività che non si è mai fermata, nonostante le difficoltà legate all'emergenza Coronavirus che hanno imposto misure straordinarie dal punto di vista sanitario. Gli interventi in elezione per patologie indifferibili e gli interventi urgenti hanno riguardato le varie specialità del nosocomio; quella che in questo intervallo di tempo ha eseguito più operazioni è stata urologia (134), seguita da chirurgia (108), ortopedia (103), otorinolaringoiatria (48), ostetricia e ginecologia (35), anestesia e rianimazione (23), cardiologia (16) e chirurgia vascolare (8). Per un totale di 475 interventi.

Come ha funzionato

«In questo particolare momento storico legato alla presenza del Coronavirus - spiega il dottor Francesco Fidanza, direttore del dipartimento chirurgico dell’Ulss4 - seguendo le indicazioni regionali e aziendali abbiamo assicurato lo svolgimento di tutte le prestazioni in urgenza, oncologiche in classe A. La riduzione dell'attività nelle sale operatorie ha permesso di garantire la massima efficienza al Covid-Hospital di Jesolo che necessita di molte risorse umane – continua il dottor Fidanza - . Tutte le unità operative, ossia chirurgia, ortopedia, urologia, otorinolaringoiatria, chirurgia vascolare e ginecologia, hanno comunque continuato a lavorare molto anche in questo periodo, garantendo la massima sicurezza ai pazienti». I pazienti urgenti in arrivo dal pronto soccorso, che hanno necessitato del ricovero urgente  in area chirurgica, vengono gestiti in stanze attrezzate-covid ricavate in ogni reparto; i pazienti oncologici, prima del ricovero ospedaliero, attualmente vengono valutati e viene effettuato loro il tampone naso-faringeo per accertare l’eventuale contagio da coronavirus. Il blocco chirurgico sta ora lavorando per tornare alla consueta operatività: “Ci stiamo organizzando per ampliare i ricoveri e le sedute operatorie - conclude il dottor Fidanza -  tenendo sempre presente che dobbiamo tenere alta l'attenzione perché il virus è ancora in circolazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento