All'ospedale di Portogruaro 475 interventi chirurgici in due mesi

Il dato più importante in urologia e chirurgia. I dettagli relativi al periodo marzo-aprile

Sono 475 gli interventi chirurgici totali effettuati all'ospedale di Portogruaro dal primo marzo ad oggi. Un'attività che non si è mai fermata, nonostante le difficoltà legate all'emergenza Coronavirus che hanno imposto misure straordinarie dal punto di vista sanitario. Gli interventi in elezione per patologie indifferibili e gli interventi urgenti hanno riguardato le varie specialità del nosocomio; quella che in questo intervallo di tempo ha eseguito più operazioni è stata urologia (134), seguita da chirurgia (108), ortopedia (103), otorinolaringoiatria (48), ostetricia e ginecologia (35), anestesia e rianimazione (23), cardiologia (16) e chirurgia vascolare (8). Per un totale di 475 interventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come ha funzionato

«In questo particolare momento storico legato alla presenza del Coronavirus - spiega il dottor Francesco Fidanza, direttore del dipartimento chirurgico dell’Ulss4 - seguendo le indicazioni regionali e aziendali abbiamo assicurato lo svolgimento di tutte le prestazioni in urgenza, oncologiche in classe A. La riduzione dell'attività nelle sale operatorie ha permesso di garantire la massima efficienza al Covid-Hospital di Jesolo che necessita di molte risorse umane – continua il dottor Fidanza - . Tutte le unità operative, ossia chirurgia, ortopedia, urologia, otorinolaringoiatria, chirurgia vascolare e ginecologia, hanno comunque continuato a lavorare molto anche in questo periodo, garantendo la massima sicurezza ai pazienti». I pazienti urgenti in arrivo dal pronto soccorso, che hanno necessitato del ricovero urgente  in area chirurgica, vengono gestiti in stanze attrezzate-covid ricavate in ogni reparto; i pazienti oncologici, prima del ricovero ospedaliero, attualmente vengono valutati e viene effettuato loro il tampone naso-faringeo per accertare l’eventuale contagio da coronavirus. Il blocco chirurgico sta ora lavorando per tornare alla consueta operatività: “Ci stiamo organizzando per ampliare i ricoveri e le sedute operatorie - conclude il dottor Fidanza -  tenendo sempre presente che dobbiamo tenere alta l'attenzione perché il virus è ancora in circolazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento