menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un Osservatorio Lgbt per favorire i diritti di cittadinanza per tutti

Il progetto, nato nel 2005, ha come obiettivo quello di sensibilizzare le persone all'inclusione sociale attraverso iniziative e laboratori scolastici

L'Osservatorio Lgbt è un progetto dell'amministrazione comunale sperimentato in una prima fase tra il 2005 e il 2010. La Giunta, con una delibera del maggio 2005, ne ha individuato obiettivi e programmi:
 
- Cittadinanza: favorire l'accesso ai diritti di cittadinanza; contrastare fenomeni di discriminazione, omofobia ed esclusione sociale, in particolare nelle scuole; attivare ricerche, indagini ed iniziative per conoscere e far emergere bisogni sociali della popolazione lesbica, gay e transgender.
 
- Culture:
attivare progetti e realizzare iniziative per far emergere e valorizzare le culture prodotte dalle comunità gay, lesbica e transgender, in particolare da giovani artisti/e;collaborare col Coordinamento cittadino per la Giornata della Memoria, per far conoscere le persecuzioni contro lesbiche e gay; attivare percorsi di Queer Studies;
 
- Networking:
promuovere reti cittadine di servizi e gruppi locali e sostenere l'associazionismo Lgbt; partecipare a reti nazionali e internazionali; attivare collaborazioni con enti, istituzioni, centri culturali e città europee ed euro-mediterranee e partecipare ai programmi comunitari.


Da gennaio 2011, l'Osservatorio Queer ha avviato una seconda fase, grazie all'assessorato alle Politiche giovanili, che si propone come piattaforma progettuale e informativa cittadina sui temi nati nel mondo sociale e culturale lesbico, gay e transgender. Si cercano quindi di connettere, far emergere e valorizzare reti, culture, soggetti, luoghi programmi. Vengono realizzati laboratori e workshop nelle scuole superiori della città contro l'omofobia. Per collaborare o rivolgersi all'Osservatorio contro le discriminazioni del Comune e l'Unar, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (www.unar.it), telefonare allo 0412747644/43 o inviare una mail a veneziaqueer@gmail.com

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento