Attualità

Parco 1° Maggio di Zianigo, consegnate le prime firme della petizione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Nel tardo pomeriggio di giovedì 13 maggio, alcuni rappresentanti del Comitato per la Difesa del Verde Pubblico, hanno presentato nelle mani dell’Ufficiale del Multisportello del Comune di Mirano un tesoretto di 71 pagine di speranza, contenenti le sottoscrizioni dei cittadini.

Nella giornata di Sabato 1 ° Maggio appunto, durante il sit-in al parco di villa Bianchini allo scopo di ribadire il “no” a ulteriori progetti legati al campo sportivo (costruzione di parcheggio e spogliatoio) era stata ufficializzata la raccolta delle firme richiesta da un piccolo gruppo di cittadini, che già da metà aprile, prima che l’amministrazione Comunale pubblicasse un video di chiarimenti, avevano sentito voci circolare riguardanti i progetti di costruire nel parco gli spogliatoi.

Molti cittadini hanno potuto approfondire la problematica che una zona d’interesse storico possa essere messa in pericolo dall’intrusione di manufatti deturpandone il contesto; in soli 14 giorni, ben oltre 650 cittadini hanno scelto di sottoscrivere la petizione esternando così la loro preoccupazione. Le firme raccolte in poco tempo, testimoniano come sempre più cittadini si rendono conto dell’importanza di salvaguardare il territorio, e noi per questo, li ringraziamo moltissimo.

Ci teniamo a ribadire che il Comitato e i cittadini che hanno firmato la petizione, non hanno nulla contro le associazioni sportive, anzi, siamo tutti pienamente consapevoli che lo sport sia uno dei pilastri fondamentali della società, per tutti i benefici che apporta, praticandolo fin da bambini. Tuttavia, l’area parte integrante di Villa Marini Angeloni Bianchini va tutelata.

Durante la manifestazione di Sabato 1 Maggio, sono emerse molte proposte interessanti da parte dei cittadini, l’amministrazione deve trovare delle soluzioni alternative rendendone partecipe anche tutta la cittadinanza e soprattutto ascoltandola. Monitoreremo con molta attenzione l’operato del Comune e se necessario daremo vita ad altre iniziative per mantenere viva l’attenzione e sensibilizzare ulteriormente i cittadini per la tutela del territorio. Tutti i cittadini che volessero mettersi in contatto con il comitato possono farlo tramite e-mail all’indirizzo comitatodifesaverde@gmail.com, attraverso i social, o tramite (telefono - WhatsApp - Telegram) al numero che verrà appositamente attivato nei prossimi giorni: 393.69.89.196

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco 1° Maggio di Zianigo, consegnate le prime firme della petizione

VeneziaToday è in caricamento