Sabato, 18 Settembre 2021
Attualità Dolo

Babbo Natale e regali alla pediatria di Dolo: «I bimbi hanno dimenticato l'ospedale»

Molte le iniziative delle associazioni in campo per allietare i piccoli ricoverati

È arrivato il Natale alla Pediatria di Dolo: molte le iniziative delle associazioni in campo per allietare i piccoli ricoverati. 

Dalla parte dei piccoli

In questi ultimi anni il numero delle associazioni è aumentato rendendo l’offerta ludica del reparto sempre più ricca. Ricordiamo tra queste: l’associazione di auto-aiuto “Il Pulcino” rappresentata da genitori di ex prematuri, l’associazione "Il Piccolo Principe " con la clown-therapy, gli atleti della prima squadra del Rugby Mirano che intrattengono i bambini al pomeriggio, l’associazione " Il Castello " con la lettura e animazione di favole e l’associazione "Cuore di Maglia" impegnata nella realizzazione di vestitini in lana per i neonati prematuri introvabili nei negozi.

Babbo Natale

La festa di mercoledì è stata animata da un coro di bambini e da una piccola orchestra chiamata artisti cantori di Oriago. Per la prima volta ad arricchire questo appuntamento ci hanno pensato anche il Mago Lucio e Moeca con uno specialissimo spettacolo di magia. Tra i momenti più gioiosi da ricordare c'è stato quello in cui i bambini hanno manifestato un momento di estasi nel vedere entrare Babbo Natale col suo campanaccio, pieno di pacchi e pacchettini che ha poi distribuito a tutti i bambini. E poi canzoni natalizie, cantate insieme ai bambini ricoverati, e infine lo spettacolo di magia, la vera sorpresa di quest’anno che ha lasciato i piccoli pazienti letteralmente a bocca aperta.

Tradizione

È diventata una tradizione – ha detto il primario della Pediatria Luca Vecchiato - festeggiare il Santo Natale con i nostri bambini ricoverati e con quelli già dimessi, ma ancora legati a noi. La festa è un momento importante della nostra vita e in un reparto come il nostro non può e non deve essere dimenticata. Il direttore generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben ha espresso la massima riconoscenza verso tutte quelle persone che in queste occasioni e durante l’anno portano la loro la solidarietà. È stato toccante e davvero emozionante – ha detto Dal Ben – soprattutto osservare gli sguardi di tutti quei bambini che, per un attimo, sembrava avessero dimenticato di stare male e di trovarsi in ospedale».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Babbo Natale e regali alla pediatria di Dolo: «I bimbi hanno dimenticato l'ospedale»

VeneziaToday è in caricamento