La Collezione Peggy Guggenheim posticipa il workshop “Chi guarda cosa?”

Rimandate le lezioni previste dal 29 al 31 ottobre sull’isola della Certosa con l’artista Stefano Ogliari Badessi

La Collezione Peggy Guggenheim sceglie di posticipare, dopo l'emanazione del più recente DPCM, il workshop “Chi guarda cosa?” con l'artista Stefano Ogliari Badessi, in arte S.O.B., programmato per svolgersi sull'isola della Certosa dal 29 al 31 ottobre. Quella che sarebbe dovuta essere la seconda tappa del progetto SuperaMenti Pratiche artistiche per un nuovo presente viene rimandata a data da destinarsi quando lavorare insieme in presenza sarà di nuovo opportuno e si potrà godere appieno della collaborazione reciproca.

Rimangono al momento confermati i prossimi appuntamenti con l’artista romana Alice Pasquini, protagonista del workshop Oltre il muro: arte e contesto (27-29 novembre 2020), riflessione sulla trasformazione e il recupero urbano attraverso lo studio di diverse tecniche quali la street art, e la svedese Cecilia Jansson, con Esplorare la distanza (22–24 gennaio 2021), laboratorio che affronterà attraverso il disegno il tema del corpo umano inteso come strumento di misura e limite. Entrambi gli appuntamenti prevedono anche una modalità di partecipazione e svolgimento da remoto, nel caso in cui ci fosse la necessità di cancellare la modalità in presenza.

Come per i precedenti laboratori, in preparazione ai workshop viene confermata una serie di incontri aperti a tutti sulla piattaforma Zoom, per un dialogo diretto con l’artista.
 
La partecipazione è gratuita ed è necessaria l’iscrizione, fino a esaurimento posti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento