Pippo Civati e Nadia Ferrigo a Venezia per presentare Easy Narcos

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Giovedì 10 settembre presentazione del libro Easy Narcos, edito da People Pub.

Al secondo piano di un capannone, tra i campi della patria dell'omonima varietà di Cannabis Sativa, il telefono non smette di squillare. Da mezzo mondo arrivano offerte per acquistare tonnellate di semi e fiori. In cinquant'anni di attività, non è mai successo nulla del genere. Il motivo? Dopo un'illuminazione e mesi di riunioni corsare, Luca Marola e i suoi hanno messo a punto la ricetta giusta per rifare il look alla canapa industriale.

Finiti i tempi del confino negli smart shop, la cannabis diventa light e buona da fumare e, dettaglio non da poco, costa quanto quella illegale. A poche ore dal debutto, EasyJoint deve chiudere le vendite online perché il sito non regge. Aprono migliaia di negozi, nascono nuovi brand. È sorto un mercato promettente, con un problema non da poco: manca una legge. La canapa industriale si può produrre, ma non fumare. È ora di dare l'assalto ai palazzi romani.

Con il governo giallo-verde va male: il M5S è un alleato infedele; il leader della Lega, un nemico giurato. Il governo è cambiato, ancora non è scritta la parola fine. Chi vincerà la guerra? «EasyJoint è pura disobbedienza civile che prende corpo, mascherata da brillante iniziativa economica. Funziona, perché se ti metti a distribuire marijuana per strada, come hanno sempre fatto i Radicali di Marco Pannella, chi ti vede ha già una sua idea sulla droga. Molto difficile fargliela cambiare. Ma se inizi a vendere il fiore di canapa, che droga non è, allora obblighi l'altro a mettere in discussione quello in cui crede. Chiunque è portato a chiedersi: perché non c'è una legge? Cosa c'è di male? Perché non si potrebbe vendere? Sarà mica peggio delle sigarette, per dire. Alla fine, è solo una pianta.»

Nadia Ferrigo - _Nata a Biella nel 1985 e laureata in Giurisprudenza a Pavia, ha due praticantati: da avvocato e da giornalista. Lavora a La Stampa, redazione inchieste e cronache italiane. Scrive di diritti "sociali, civili e delle donne. Su Audible con il podcast Narravita, il paese dei tabù, dedicato a quel che non si dice (quasi mai) ad alta voce; su carta - e su Instagram - con la rubrica fotografica Istantanee._

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento