L'esenzione dalla Cosap la chiedono anche i pittori

A raccogliere le loro istanze la consigliera comunale Silvana Tosi. Per l'amministrazione è una questione degna di attenzione

Anche i pittori chiedono l'esenzione totale dalla Cosap, la tassa per l'occupazione di suolo pubblico per tutto il 2020. Un'istanza di cui si è fatta portavoce la consigliera comunale Silvana Tosi ponendola all'attenzione nel corso dell'ottava commissione consiliare, congiunta alla nona, del 5 giugno scorso. In quella occasione sono state discusse le modifiche al regolamento Cosap (canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche).

Il suolo pubblico

Una richiesta, quella dei pittori, che l'amministrazione ha preso in considerazione facendo sapere venerdì sera, attraverso l'assessore al Bilancio Michele Zuin, di aver intenzione di accogliere in quanto degna di attenzione. La proposta di delibera ha previsto l'esenzione totale della tassa per i titolari di attività di somministrazione di alimenti e bevande. Ma non aveva riguardato altre categorie che esercitano su aree pubbliche e sono soggette al pagamento dell'imposta. I pittori, ha ricordato la consigliera, oltre a non svolgere il proprio lavoro da novembre 2019, a seguito dell'alluvione, non stanno occupando il suolo pubblico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento