Nuove regole contro l'acqua alta: elettropompe e impianto elettrico rialzato

Gli obblighi sono stati inseriti nel regolamento edilizio comunale veneziano e valgono per i piani terra di nuova costruzione, ristrutturazioni e cambio d'uso

Un negozio invaso dall'acqua

Paratie, impianto elettrico rialzato, pompa ad immersione e gruppo di continuità, dovranno essere d'ora in poi dotazioni obbligatorie ai piani terra del centro storico di Venezia. Gli obblighi non riguardano gli edifici già esistenti, ma solo quelli di nuova costruzione e quelli oggetto di ampliamento, ristrutturazione e cambio d'uso. La disposizione è contenuta in un emendamento al nuovo regolamento edilizio comunale che la giunta ha presentato ieri alla commissione urbanistica del Consiglio, e che è diretta conseguenza dell'acqua alta eccezionale del 12 novembre scorso.

Nel testo viene stabilito che l'impianto elettrico venga posto ad almeno 110 centimetri dal pavimento, misura necessaria per evitare corti circuiti in caso di invasione di acqua al piano terra. Sono rese obbligatorie paratie adeguate e pompe elettriche a immersione. Viene poi prescritto un gruppo di continuità in grado di assicurare forza motrice alle pompe per almeno sei ore ed evitare così danni in caso di black-out.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento