Attualità

207esimo anniversario fondazione dell'Arma, medaglia d'argento al tenente Andreozzi

Molti i militari premiati per le diverse indagini completate in un anno difficile come è stato il 2020

Sabato mattina a Venezia, nella sede del comando provinciale dei carabinieri a Campo San Zaccaria, si è tenuta la cerimonia del 207° anniversario della fondazione. Nell'occasione il tenente Massimo Andreozzi, comandante della tenenza di Mira, ha ricevuto a Roma la medaglia d’argento al valore dell’arma dei carabinieri, per i fatti accaduti il 9 luglio 2020 a Mira, quando ha affrontato un uomo armato che, in stato di alterazione psicofisica, si era barricato all’interno della propria abitazione minacciando di suicidarsi. Dopo aver ingaggiato una violenta colluttazione durante la quale l'uomo aveva esploso due colpi di fucile, con il supporto di altri militari, Andreozzi è riuscito a disarmarlo e ad arrestarlo.

Questo è stato particolare anche per l'Arma veneziana, che ha affrontato le difficoltà causate dal Covid nell'ambito dei controlli per il rispetto delle norme per il contenimento dei contagi. Numerosi sono stati anche i gesti di vicinanza che i carabinieri hanno avuto verso la cittadinanza: dalla consegna delle pensioni alle persone più anziane alla collaborazione nella distribuzione di tablet agli scolari con i quali sono stati effettuati incontri in DAD, fino ai piccoli gesti quotidiani quali le spese alle persone in difficoltà.

Un anno in cui non sono mancate importanti operazioni, come l'indagine dei carabinieri di Chioggia denominata Tsunami, che ha portato all'arresto di 26 persone nell'ambito del traffico di droga. Per questa inchiesta, sono stati premiati oggi a Padova il capitano Francesco Barone, il capitano Marco Ferrante, i luogotenenti Andrea Sebastiani e Alessandro Marchesini, il brigadiere capo Fabio Pasquesi, il brigadiere Valerio Brina e il carabiniere Sofia Carlesso. 

Tra gli altri premiati ci sono il tenente colonnello Emanuele Leuzzi, il tenente Francesco Grasso, il luogotenente Davide Porcelluzzi, il maresciallo maggiore Marco Nalesso, l'appuntato scelto Francesco Savarese, il luogotenente Davide Bottazzo e gli appuntati scelti Roberto Dell'Anno e Eddi Burigotto che hanno ricevuto un encomio semplice per l'indagine sull'omicidio di una 59enne a Portogruaro. Nell'occasione anche i luogotenenti Corrado Mezzavilla e Gian Marco Geminiani hanno ricevuto un apprezzamento per la qualità del loro operato.

Il vice brigadiere Alessandro Peciccia ha ricevuto un encomio semplice per aver salvato una persona nelle acque del Canal Grande il 16 maggio 2020, mentre l'appuntato Marco Zangara e il carabiniere scelto Luca Arcamone hanno ricevuto un apprezzamento per il coraggio dimostrato. 

Il maresciallo Enrico D'Avino e il vice brigadiere Giorgio Peluso hanno ricevuto un encomio semplice per l'indagine che tra ottobre 2019 e luglio 2020 ha portato.a smantellare una rete di spaccio tra Venezia e Treviso con l'arresto di 5 persone.

Il capitano Antonio Cavallo, il luogotenente Davide Semenzato, il luogotenente Manuel Furlanetto, il maresciallo ordinario Alberto Zorzetto e il carabiniere Diego Tizzano hanno ricevuto un encomio semplice per l'indagine su una violenza sessuale a Venezia. 

Il tenente colonnello Emanuele Leuzzi, il luogotenente Giordano Giacomini, il luogotenente Massimo Pescatori, il maresciallo capo Ivan Barutta, il brigadiere capo Luigino Livon, il vice brigadiere Filadelfio Carbonetto e l'appuntato scelto Luca Memeo sono stati premiati con un encomio semplice e un apprezzamento per aver disarticolato un gruppo dedito alla commissione di numerosi furti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

207esimo anniversario fondazione dell'Arma, medaglia d'argento al tenente Andreozzi

VeneziaToday è in caricamento