Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Portò il fumetto italiano nel mondo, un premio a Manara. "Pratt mi insegnò a farne un'arte"

Mercoledì a palazzo Ferro Fini la consegna del premio ‘Nuvole in Veneto’, istituito dall’associazione culturale ‘VeneziaComix’ per omaggiare artisti che hanno offerto un importante contributo alla cultura e alla tradizione veneta nell’arte del fumetto

 

Un artista eccezionale insignito di un ulteriore riconoscimento: è andato al maestro disegnatore veronese Milo Manara il premio "Nuvole in Veneto", alla seconda edizione: oltre che per il suo lavoro di fumettista, Manara si è affermato come illustratore grazie a disegni, locandine cinematografiche (alcune per il grande Fellini) e portfolio, tratti dalle sue opere o riguardanti temi più generali, anche socialmente impegnati.

Il presidente del Consiglio regionale ha presentato Manara come "altoatesino di nascita, residente della Valpolicella ma, in realtà, cittadino del mondo che non necessita certo di presentazione". "Desidero rendere il giusto omaggio - ha detto - a una personalità forte e importante come quella di Milo Manara, che ha fatto conoscere il fumetto italiano nel mondo".

“Per me è un onore ricevere questo premio qui a Venezia - ha commentato il maestro - che ritengo essere una città unica, un vero paradiso in terra, a cui mi legano ricordi straordinari e rapporti intensi con artisti del calibro di Dino Battaglia, Hugo Pratt e Alberto Ongaro, che purtroppo hanno fatto ‘un passo in avanti’. Questo riconoscimento impreziosisce la mia carriera, che è stata molto fortunata, in quanto ho avuto incontri insperati con persone straordinarie che mi hanno trasmesso e fatto amare l’arte del fumetto. Come affermava Pratt, il fumetto è letteratura disegnata, è sintesi tra disegno e letteratura. D’altra parte, il disegno è nel DNA del genere umano, è la prima espressione artistica nella storia dell’umanità, con gli affreschi sulle pareti delle caverne preistoriche. E i nostri bambini, prima ancora di imparare a parlare, si esprimono disegnando. Il ‘fumettaro’ è un letterato che sa anche disegnare bene. Il fumetto è arte narrativa, che presenta caratteristiche proprie, peculiari, ma che inevitabilmente si intreccia e sa dialogare con altre forme artistiche. Racconta storie attraverso il susseguirsi di immagini”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento