Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I candidati alla carica di rettore di Ca' Foscari si presentano | VIDEO

Sono Monica Billio, Tiziana Lippiello, Angelo Rubino e Gaetano Zilio Grandi. I loro programmi puntano su temi quali la didattica, la ricerca, la sostenibilità

 

Si sono presentati questo pomeriggio, durante un’assemblea nell’Aula Magna Guido Cazzavillan a San Giobbe, i quattro candidati alla carica di rettore dell’Università Ca’ Foscari Venezia per il sessennio 2020-2026.

Si tratta di Monica Billio, attuale direttrice del dipartimento di Economia e componente del senato accademico; Tiziana Lippiello, attuale prorettrice vicaria con delega alle relazioni internazionali; Angelo Rubino, professore al dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica, e Gaetano Zilio Grandi, attuale direttore del dipartimento di Management e componente del senato accademico. Il nuovo rettore, che succederà al professor Michele Bugliesi, entrerà in carica il 1° ottobre 2020.

Ad aprire l’assemblea è stato il professore Gaetano Zilio Grandi, il cui programma elettorale si fonda su tre parole chiave: pluralismo, flessibilità e semplificazione. Gli obiettivi che il candidato si pone sono l’aumento del tempo e delle risorse destinate alla ricerca, la razionalizzazione dei processi di valutazione, l’aumento delle risorse e degli investimenti riguardanti strutture e infrastrutture, specialmente i laboratori e le biblioteche. Secondo Zilio Grandi è fondamentale, inoltre, puntare sul reclutamento internazionale, mettere in risalto le specificità disciplinari e interdisciplinari di dipartimenti e verificare costantemente le attività svolte garantendo una programmazione organica. 

I punti cardine del programma del professore Angelo Rubino sono la democrazia, la legalità e la trasparenza, per il rispetto dei quali il candidato propone di istituire una commissione di ateneo. Le linee guida sono: garantire il benessere organizzativo, ampliare la partecipazione alla gestione dell’Ateneo - evitando l’accentramento di potere e incentivando, allo stesso tempo, la rotazione degli incarichi -, incoraggiare le attività di ricerca e di didattica, assicurare a ogni dipartimento pari dignità, garantire il massimo sostegno al diritto allo studio - soddisfacendo le esigenze degli studenti -, e approfondire temi riguardanti l’ambiente e la sostenibilità.

«Credo sia opportuno ripartire dalle persone e dalla costruzione dei rapporti umani a Ca’ Foscari, rafforzando il senso di comunità e di appartenenza» spiega invece la professoressa Tiziana Lippiello, che dichiara di voler mettere al centro del proprio programma gli studenti, incentivando la qualità dell’insegnamento, l’orientamento pratico, le esperienze internazionali e l’occupabilità. Sono previste inoltre una valorizzazione del ruolo della ricerca, potenziandone i fondi e incrementando le borse dottorali, e una maggiore attenzione alle pari opportunità, garantendo la rappresentanza di genere nei luoghi direttivi e di gestione. Infine viene ribadito l’intento di creare un polo internazionale di eccellenza dell’educazione superiore nel cuore di Venezia, sviluppando le partnership strategiche di ateneo già avviate con numerose università internazionali.

I punti cardine del progetto della professoressa Monica Billio, che ha concluso l’assemblea, sono: sostenibilità, condivisione e responsabilità. La candidata propone di innovare e valorizzare la didattica, integrando e incoraggiando la ricerca e ampliando gli spazi per lo studio, offrendo così un’esperienza universitaria ampia e condivisa con il territorio. Il programma propone inoltre di rilanciare il ruolo di Fondazione Ca’ Foscari quale ente strumentale e di servizio. Viene infine ribadito l’impegno per lo sviluppo sostenibile, avviando un osservatorio sulla realizzazione della Agenda ONU 2030 in Italia quale progetto guida da realizzarsi in rete con altre università, garantendo a Ca’ Foscari un ruolo di leadership.

Tutti i programmi sono stati pubblicati nel sito di ateneo.

Le elezioni si svolgeranno il 14, 15 e 16 settembre 2020. Se nessun candidato dovesse ottenere la maggioranza assoluta (degli aventi diritto nella prima, dei votanti nella seconda e terza tornata), eventuali ballottaggi tra i due più votati nella terza votazione si svolgeranno nei giorni 17 e 18 settembre. Si voterà dalle 9 alle 17, per la prima volta in modalità telematica da remoto, via pc, smartphone o tablet.

L’elettorato attivo è composto attualmente da 1339 elettori: 29 membri dell’Assemblea dei Rappresentanti degli Studenti, 607 professori (straordinari, ordinari, associati, ricercatori, anche a tempo determinato) dell’ateneo e 703 elettori tra il personale tecnico e amministrativo e i collaboratori ed esperti linguistici. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento