Proposta di matrimonio a sorpresa con la Pin Art alla Fabbrica della Scienza di Jesolo

Dichiarazione d'amore durante la visita alla mostra scientifica per una coppia di Udine

La Fabbrica della Scienza di Jesolo è diventata scenario di una proposta di matrimonio speciale per una coppia di Udine. Il futuro sposo, infatti, ha scelto la mostra scientifica per organizzare una dichiarazione d'amore tramite l'installazione cinetica Pin Art, la malleabile invenzione dell’artista contemporaneo Ward Fleming presente in formato gigante nell’angolo “Sensoriali” della mostra. In particolare il fidanzato friulano, alla presenza di un’altra coppia di amici testimoni che li avevano accompagnati, ha voluto stupire la sua lei coinvolgendola un’inaspettata pressione del loro corpo sulla parete dell’installazione Pin Art composta da centinaia di chiodini rossi smussati, non avvisandola che lui si sarebbe messo in ginocchio tenendole la mano ricreando, nel rilievo poi apparso sull’altro lato della parete, la loro impronta in formato tridimensionale durante la fatidica dichiarazione d’amore.

«Alla vista del risultato artistico che la riguardava da vicino la 29enne di Udine è arrossita sciogliendosi in lacrime per l’emozione mentre il fidanzato la abbracciava - racconta la titolare della mostra Monica Montellato - una sorpresa inaspettata e finora il modo più originale e romantico di impiegare questa scultura cinetica che prende la forma dei visitatori che la sperimentano diventando una delle attrazioni più di successo a La Fabbrica della scienza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Liberare la creatività è uno dei valori della mostra La Fabbrica della Scienza - aggiunge Montellato - trasmettendo nei visitatori, anche attraverso un’esperienza simbolica come la Pin Art, la consapevolezza che ogni nostra azione lascia un’impronta nel nostro pianeta, coscienza del proprio agire che vale anche come impegno, con se stessi e con la Terra, a salvaguardarla attivamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Schianto in macchina nella notte, morto un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento