menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La proposta di costruttori e architetti: uno sportello unico per il superbonus 110%

L’appello congiunto di Ance, Ordine degli architetti e Fondazione Bellisario

Servono azioni per rendere il superbonus 110% più semplice e veloce da ottenere: è questo, in sostanza, il senso della proposta avanzata unitariamente dall'Ance, dall'Ordine degli architetti e dalla Fondazione Bellisario, che chiedono ai Comuni veneziani (capoluogo in primis) di attivare uno sportello unico ad hoc sfruttando i fondi stanziati dalla legge di bilancio 2021.

«Il superbonus 110% - spiega Giovanni Salmistrari, presidente di Ance Venezia - rappresenta una grande opportunità per l’edilizia e per tutto il suo vasto indotto. Ad oggi, però, l’incentivo non ha ancora espresso tutte le sue potenzialità, in parte per le iniziali difficoltà di interpretazione della normativa, in parte per la complessità delle procedure». I chiarimenti ministeriali e dell’Agenzia delle entrate hanno risolto una parte delle difficoltà, ma resta lo scoglio dell’articolato iter burocratico delle pratiche, iter che può coinvolgere diversi enti: Comune, catasto, soprintendenza e altri ancora, il cui personale, oltretutto, opera in buona parte con modalità smart working.

«Occorre evitare - aggiunge Anna Buzzacchi, presidente dell’Ordine degli architetti di Venezia - che i tempi di risposta alle richieste di accesso agli atti rallentino le pratiche, tanto più in questa fase in cui l’agevolazione sta “decollando” ed è quindi prevedibile un sensibile aumento delle domande con conseguente rischio di trovare negli uffici un collo di bottiglia insuperabile». D’altra parte anche per le amministrazioni comunali il Superbonus rappresenta un’occasione unica non solo per il recupero e la riqualificazione energetica diffusa del patrimonio edilizio residenziale ma anche dal punto di vista del gettito che quegli interventi possono generare per le casse dell’amministrazione, grazie alla regolarizzazione delle non conformità edilizie. 

Alla luce di tutto questo, secondo i tre enti, una opportunità che si deve cogliere è offerta dalla legge di bilancio 2021 che - proprio con la finalità di consentire ai Comuni di far fronte tempestivamente ai maggiori oneri di gestione in ordine ai procedimenti connessi al superbonus 110% - autorizza l’assunzione a tempo determinato di personale da impiegare ai fini del potenziamento degli uffici, stanziando 10 milioni di euro per l’anno 2021. La proposta è allora che le amministrazioni comunali – e Venezia in primis, data la sua importanza – diano vita ad uno “sportello superbonus 110%”, con personale specificamente dedicato all’esame e all’evasione delle pratiche legate a questa agevolazione.

«Crediamo - aggiungono l’architetto Giovanna Mar, Marianna Tiso, AD dell’impresa Tiso Alfredo, e Gabriella Chiellino, presidente di EAmbiente Group, socie della Fondazione Bellisario - che questo “sportello” potrà rivelarsi lo strumento in grado di risolvere molte delle problematiche che stanno rallentando il definitivo decollo del superbonus, ridando snellezza ed efficienza ad una macchina burocratica chiamata ad uno sforzo straordinario. È importante che i dirigenti si dotino di quella discrezionalità di buon senso per superare lievi difformità che diventano grossi ostacoli e freno all'accelerazione delle pratiche. Nuovi impianti e nuovi cappotto in edilizia si traducono in minori consumi energetici e quindi minore emissioni climalteranti. Se il privato e la pubblica amministrazione vanno a braccetto industrializzando il processo, i vantaggi sono per tutti, cittadini e ambiente compresi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento