C'è il rischio che le scuole riaprano in ottobre, dice Zaia

Il governatore ha spiegato di condividere le proteste del mondo dell'istruzione e ha invocato linee guida "sostenibili" per la riapertura in sicurezza

«C'è preoccupazione per quanto sta accadendo nel mondo della scuola»: così ha aperto il punto stampa di lunedì 8 giugno il governatore Luca Zaia, che ha parlato delle difficoltà nella ripartenza dell'istruzione e della possibilità di un ritardo nell'avvio del prossimo anno scolastico. «Noi auspichiamo che avvenga dopo le elezioni - ha detto - ma se le date sono quelle che stanno circolando vuol dire che questo avverrà per la fine di settembre o i primi di ottobre. Considerato che le lezioni in aula sono bloccate da fine febbraio, 7/8 mesi di stop prima della ripartenza non mi sembrano una cosa normale».

Proteste

«Condivido la protesta e lo sciopero in corso - ha detto ancora - perché è giusto riaccendere i riflettori sulla scuola. Va riconosciuto il merito a dirigenti e insegnanti per aver messo in piedi la didattica a distanza in una situazione di totale emergenza e alle famiglie degli studenti per essersi adattati al cambiamento». Oggi, 8 giugno, è in corso a livello nazionale uno sciopero dei lavoratori della scuola, che si dicono preoccupati per la ripresa delle lezioni in presenza «senza impegni che soddisfino il rispetto delle condizioni di sicurezza», a partire dal potenziamento degli organici che sarà probabilmente necessario: una delle ipotesi fatte dal comitato tecnico scientifico, infatti, è quella di garantire classi con un numero ridotto di alunni (quindi più classi e quindi più insegnanti).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Linee guida per la riapertura

Sulle misure di sicurezza da adottare in aula, il governatore ha commentato: «I ragazzi vanno messi in sicurezza, le linee guida vanno adottate, però devono essere sostenibili: non si può tornare a fare lezione con i plexiglass. Il Veneto vuole costruire nuove linee guida alternative, mantenere attivo il dialogo in maniera costruttiva e mettere in condizioni insegnanti e studenti di fare scuola in maniera sensata senza tenerli sotto una campana di vetro con misure inapplicabili». «Prima del 15 giugno - ha anticipato Zaia - dovrebbe arrivare un nuovo Dpcm che regolarizza le altre riaperture».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento