Un sostegno ai settori della cultura e dello spettacolo dalla Regione e Agis

Le proposte per sostenere imprese e lavoratori: attivare un fondo speciale e garantire i finanziamenti relativi agli eventi che non si sono svolti

L’assessore regionale alla cultura Cristiano Corazzari ha incontrato questa mattina in videoconferenza l’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (Agis) delle Tre Venezie, guidata dal presidente Franco Oss Noser.

«Prosegue la nostra attività di coordinamento con tutte le componenti della cultura e dello spettacolo del Veneto - ha dichiarato l’assessore - per affrontare sia l’attuale fase di emergenza causata dalla pandemia di Covid-19, e quindi garantire i mezzi e le risorse necessarie alle numerose imprese e ai lavoratori per superare questo lungo periodo di inattività, sia per individuare un percorso condiviso da seguire quando la cosiddetta ‘fase due’ prenderà finalmente avvio».

Due gli aspetti principalmente affrontati: l’approvazione di un emendamento, nella norma di variazione di bilancio all’esame del Consiglio regionale la prossima settimana, per consentire il trasferimento, come spese di funzionamento, alle associazioni e alle aziende della cultura e dello sport, dei finanziamenti previsti per la realizzazione di progetti e iniziative che a causa del coronavirus non si sono potute svolgere; la possibilità di costituire un fondo speciale, con un’apposita legge, nel quale far confluire risorse nazionali e regionali a sostegno dell’intero settore, di cui possano beneficiare sia i soggetti che accedono al Fondo Unico per lo Spettacolo, sia quelli che non ne usufruiscono, come ad esempio le sale cinematografiche, che, è stato ricordato, sono con i teatri tra le realtà più penalizzate da questa crisi.

Il presidente e la vicepresidente della Sesta Commissione di palazzo Ferro-Fini, Alberto Villanova e Francesca Zottis, hanno assicurato la volontà politica bipartisan di sostenere il trasferimento delle attese risorse regionali al movimento culturale veneto, mentre il presidente Oss Noser ha anticipato l’invio alla Regione di un documento aggiornato contenente proposte e istanze sull’utilizzo dei fondi che si renderanno disponibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il ministro Franceschini - ha annunciato Corazzari - nella videoconferenza svoltasi ieri con l’Agis nazionale e le Regioni, ha assicurato che a queste ultime saranno assegnati 30 milioni di euro per sostenere il settore dello spettacolo: ci auguriamo che al più presto siano definiti i tempi e i criteri di ripartizione, perché queste risorse servono subito, le aziende hanno bisogno di liquidità e sono realmente a rischio chiusura. Per il Veneto si tratta di un enorme patrimonio umano, culturale, sociale, imprenditoriale, associativo e lavorativo che non possiamo permetterci di disperdere». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento