rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021

Un reperto etrusco inedito esposto alla mostra dedicata a Massimo Campigli | VIDEO

Con un nuovo allestimento, la mostra "Massimo Campigli e gli Etruschi. Una pagana felicità" presenterà per la prima volta al pubblico il "Viaggiatore etrusco", un prezioso frammento di lastra in terracotta del VI secolo-V secolo a.C.

Con un nuovo allestimento e l'aggiunta di un reperto inedito e prezioso, la mostra Massimo Campigli e gli Etruschi. Una pagana felicità, ospitata a Palazzo Franchetti, è stata prorogata fino a domenica 16 gennaio 2022. La decisione è stata resa possibile grazie alla collaborazione dei prestatori, tra i quali figura la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, con la quale l'esposizione è stata realizzata in collaborazione.

Per la prima volta verrà presentato al pubblico il Viaggiatore etrusco, un prezioso frammento di lastra in terracotta risalente alla fine del VI secolo-inizio del V secolo a.C. Appena rientrata in Italia, l'opera va così ad arricchire la già corposa selezione di circa cinquanta reperti che si affiancano alle tele prescelte per illustrare tutto l'arco della carriera artistica di Massimo Campigli.

Il frammento alto circa 28,6 cm raffigura il profilo di un giovane dai lunghi capelli rossi caratterizzato da un'elaborata acconciatura e adornato con un copricapo a tesa da viaggiatore e con un bastone sinuoso.

La lastra è stata acquistata dalla Fondazione Luigi Rovati presso la casa d'aste Christie's di New York, con il fine di completare la selezione conosciuta di lastre parietali figurate provenienti da Cerveteri già in possesso dello Stato, e successivamente ceduta al Ministero della Cultura.

Il reperto è stato mostrato e raccontato questo pomeriggio, nel corso di una conferenza stampa presso Palazzo Franchetti, dalla soprintendente arch. Margherita Eichberg alla presenza dell'archeologo Daniele Federico Maras in dialogo con il professor Lucio Rovati, del presidente della Fondazione Luigi Rovati, della professoressa Martina Corgnati, che ha fornito un importante contributo scientifico alla mostra, e di Alessia Calarota, vicepresidente di ACP – Palazzo Franchetti.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Un reperto etrusco inedito esposto alla mostra dedicata a Massimo Campigli | VIDEO

VeneziaToday è in caricamento