Torna a splendere la pala con i santi Lorenzo Giustiniani, Nicola e Antonio di Padova

L'annuncio del restauro domenica nella chiesa di Crea, a Spinea. «Un gradito regalo di Natale per tutta la comunità»

Foto: Immagini dell'inaugurazione domenica

È tornata al suo antico splendore, dopo il restauro, la pala dei santi Lorenzo Giustiniani, Nicola e Antonio da Padova, nella chiesa di Crea, a Spinea. L'annuncio domenica è stato fatto da don Marcello Miele, il parroco di Crea e Santa Bertilla, che ha espresso un pubblico ringraziamento.

L'opera

«Un regalo di Natale per tutta la comunità di Spinea, perché da oggi può nuovamente ammirare una preziosa opera d’arte», ha detto don Marcello. La pala dal formato rettangolare risale al Settecento ed è di autore ignoto di scuola veneta. Mostra al centro Nicola, alla sua destra la figura di San Lorenzo Giustiniani, primo patriarca di Venezia. Al lato opposto, inginocchiato e vestito del saio di frate minore, Sant’Antonio di Padova colto nell’atto di offrire alla contemplazione di tutti e tre il Bambino che, adagiato su un panno bianco, gli accarezza il volto con la destra. In origine la pala era collocata nell’Oratorio Barbarigo di Crea.

Le autorità

Presenti le autorità con il sindaco Silvano Checchin e rappresentanti delle altre realtà che hanno promosso l’iniziativa, prima tra tutte l’associazione “Amici dei Presepi Spinea” con Alessandro Cuk e Delia Strano. Presenti tra gli altri anche i curatori della pubblicazione stampata per l’occasione, lo storico Luca Luise e la restauratrice Flavia Cabrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento