Attualità Castello

Concluso il restauro del polittico di Vivarini nella chiesa di San Zaccaria

L'opera è tornata a Venezia dopo un lungo intervento eseguito a Roma. Oggi la presentazione alla città

È stato presentato questa mattina, nella chiesa di San Zaccaria a Venezia, il restauro del polittico della Vergine di Antonio Vivarini (datato 1443), eseguito dai funzionari e restauratori dell'Istituto centrale per il restauro (Icr) di Roma.

È la conclusione di un progetto iniziato nel 2013, che ha portato l'Icr a intervenire integralmente sul gruppo dei tre polittici realizzati dalla bottega di Antonio Vivarini per decorare gli altari della Cappella di San Tarasio (oltre a quello della Vergine, anche il polittico di Santa Sabina e quello del Corpo di Cristo). Le tavole erano state portate da Venezia a Roma per l'intervento in laboratorio. Tutte le attività si sono svolte in coordinamento con il patriarcato di Venezia e con la soprintendenza.

Il polittico della Vergine è una grandiosa struttura che, all'interno di una cornice lignea dorata, integra sul recto le cinque tavole oggetto del restauro e, sul verso, un grande armadio-reliquiario, dove sono dipinti, sugli sportelli, i santi dei quali erano conservate le reliquie. In realtà, solo due delle cinque tavole appartengono all'originario assetto del polittico e sono direttamente riconducibili alla mano del pittore di Murano e del suo socio Giovanni d'Alemagna; le altre tre provengono da un altro polittico smembrato e sono opera del pittore Stefano Pievano di Sant'Agnese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concluso il restauro del polittico di Vivarini nella chiesa di San Zaccaria
VeneziaToday è in caricamento