La Giunta comunale approva il progetto definitivo per il restauro di palazzo Soranzo a Murano

Tra gli altri, il progetto prevede di eliminare le barriere architettoniche e di mettere in opera un elevatore a servizio di tutti i locali per persone con ridotta capacità motoria

La Giunta, riunitasi nei giorni scorsi in web conference, ha approvato il progetto definitivo per il restauro del cinquecentesco palazzo Soranzo a Murano, in fondamenta Colleoni 15.

Il progetto

Il progetto prevede di eliminare le barriere architettoniche e di mettere in opera un elevatore a servizio di tutti i locali per persone con ridotta capacità motoria. Inoltre si agirà per ridurre le infiltrazioni dal basso con la posa di una guaina, si installeranno nuovi impianti di calore e raffrescamento indipendenti dal compendio sportivo; si interverrà al fine di garantire un consolidamento statico dell’edificio procedendo con il restauro delle murature, il rifacimento degli intonaci e si realizzeranno servizi igienici e locali spogliatoi. Il progetto di restauro prevede lo stanziamento di 2,7 milioni di euro. Il cantiere avrà inizio non appena saranno espletate le fasi di gara d’appalto. Nel palazzo troveranno sede al piano terra una serie di servizi pubblici essenziali (uffici ad uso dei vigili urbani e anagrafe) e nel resto dell’edificio stanze da dedicare ad attività di aggregazione per eventi temporanei e mostre, oltre che come sede di associazioni dell’isola di Murano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'immobile

L’immobile ha una pianta di circa 430 mq e si erge su tre piani. Fino al 2016 l’edificio è stato a lungo utilizzato come sede della scuola elementare Ugo Foscolo, che proprio a palazzo Soranzo aveva soggiornato per un periodo. Il fabbricato è di proprietà del Comune di Venezia e accoglieva nei primi due piani l’attività didattica e al piano terzo, nel sottotetto, la segreteria con gli uffici direttivi e amministrativi. A seguito della chiusura delle attività scolastiche è stato redatto uno studio di fattibilità per un possibile riuso culturale del palazzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento