«Le nazionalità non si indicano per deontologia», Rete 3 ottobre attacca il tweet del sindaco

Post del 15 luglio sul social di Brugnaro. Taggati alcuni interventi della polizia locale e specificate dal primo cittadino le nazionalità di appartenenza dei responsabili. Le associazioni lo contestano

Post twitter, foto

«I commenti del sindaco sono razzisti»: si scaglia contro un tweet del sindaco Brugnaro la Rete 3 ottobre, postato dal primo cittadino il 15 luglio scorso, in cui egli riprende 3 titoli di cronaca, elogia l'operato della polizia locale e specifica, cosa che le testate non indicano, la nazionalità dei responsabili protagonisti dei fatti:

«I titoli non recano la nazionalità e l'origine etnica degli autori dei reati, nel rispetto della deontologia professionale. Perché dunque questo bisogno di evidenziare che gli autori dei reati sono “rom croati”, “albanesi” e “romeni”, attaccando implicitamente intere comunità di cittadine e cittadini di origine straniera che ogni giorno lavorano, studiano, vivono nella nostra città contribuendo alla vita della comunità? - scrivono le associazioni che aderiscono alla Rete 3 ottobre: Mediterranea Venezia, Gruppo Emergency Venezia, Sos Diritti, Gruppo In-Formazione, Assopace Palestina Venezia, Cooperativa Caracol, Casa di Amadou - Marghera, Centro sociale Rivolta, VTM Magis, Palestra Popolare Rivolta, Municipalità di Marghera, Municipalità di Venezia-Murano-Burano, Parole in movimento Venezia, Panchina calda, Liberalaparola Marghera, Cobas scuola Venezia, Cobas autorganizzati Comune di Venezia, Cgil Venezia, Anpi “Sette Martiri” Venezia, Anpi “Erminio Ferretto” Mestre, Altrementi – italiano per stranieri Mestre, Il Granello di senape, Associazione Oltreiconfini, Gruppo Bella ciao – cittadini non indifferenti di Quarto d’Altino, Potere al Popolo Venezia, Ca’ Luisa - Casa del Popolo, Insieme per Venezia e terraferma, Tutta la città insieme, Pd comunale Venezia, Venezia Verde e Progressista, Più Europa Venezia -. Il sindaco Brugnaro ha già fatto esternazioni del genere - elencano - nell'ottobre 2018 il primo cittadino disse pubblicamente: “Abbiamo assunto 200 giovani vigili, addestrati alla corsa e al salto, così quando un nigeriano si mette a correre per 5 chilometri, il nostro vigile lo insegue e lo prende”. Poi nel novembre 2019: “I profughi che arrivano con i barconi e che per mesi vediamo bighellonare? Facciamoli lavorare 10 ore ma paghiamoli per 8 ore”. Basta - continuano - narrazioni e pratiche sulla sicurezza incentrate sull'attacco agli immigrati. La sicurezza non si fa con il manganello, ma con le politiche, la prevenzione e i servizi sociali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Noi definiti "buonisti" - replica il segretario del Pd Giorgio Dodi al commento dell'assessore Simone Venturini: "pensano di far sparire lo spaccio con due operatori in più" -. La realtà - scrive Dodi - è che il sindaco ha abbandonato Mestre al suo destino, fino a farle ottenere il triste primato per i morti d'eroina. Ed ora, a un passo dalle elezioni, pensa che urlando slogan e dando colpa a tutti tranne che a se stesso la percezione delle persone cambi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento