Riapre al pubblico la mostra "Il Novecento" a Palazzo Franchetti

Ingresso su appuntamento dal 10 giugno, dalle 10 alle 18, con possibilità di visita guidata a pagamento

Palazzo Franchetti riapre al pubblico domenica 10 giugno, dalle 10 alle 18, ma solo su appuntamento. L'ingresso alla mostra "Il Nocevento" è su prenotazione e prevede la formula della visita guidata al prezzo di 10 euro a persona. 

Come prenotare l'ingresso

Per la prenotazione, si prega di contattarci al numero +39 333 1012415 oppure  tramite l'indirizzo email: tickets@acp-palazzofranchetti.com indicando i giorni e gli orari di preferenza. Si verrà ricontattati con la conferma di tutti i dettagli per l'accesso alle esposizioni. Il numero massimo di visitatori negli spazi museali è di 10 persone contemporaneamente e negli spazi del museo è obbligatorio l'uso della mascherina e il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mostra

Dalla Metafisica di Giorgio de Chirico all'originale percorso di Giorgio Morandi, dal futurismo di Giacomo Balla al Surrealismo di René Magritte, dalla Bauhaus di Paul Klee alla New York di Franz Kline, dai colori di Joan Mirò alla materica arte di Leoncillo: la mostra riporta in vita i protagonisti del secolo scorso attraverso una serie di opere interpretate dalle loro stesse parole. Un'occasione per interrrogarsi sul futuro dell'arte stessa e sulle grandi collezioni private di oggi. Il percorso della mostra si conclude all'interno con la grande rivoluzione degli anni '60 e la sala dedicata ad Andy Warhol che realizza la profezia enunciata da Giorgio de Chirico, dichiarando come: «tutti i quadri debbano avere le stesse dimensioni e gli stessi colori, in modo che siano intercambiabili, e nessuno pensi di avere un quadro migliore o peggiore. E se uno è un capolavoro, lo sono tutti. E poi anche se il soggetto è diverso si dipinge sempre lo stesso quadro».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento