rotate-mobile
Attualità

Fase 2: il testo delle Regioni. Spiagge, ristoranti, scuole e palestre

Rinviata a sabato la conferenza del premier Conte sulle regole per la riapertura del 18 maggio

Testo delle Regioni sottoposto al governo in videoconferenza venerdì, in vista della ripartenza del 18 maggio. Ci sono regole che riguardano alberghi, bar e ristoranti, spiagge, scuole e palestre. Gli Enti premono per avere ampi poteri sulle riaperture delle attività economiche e produttive. L'incontro fino a tarda sera ha portato almeno a un punto condiviso: con l'inizio di giugno possono cominciare gli spostamenti fra regioni, ma solo dopo il ponte della festa della Repubblica.

Mercati e spiagge

Per strutture alberghiere e agriturismi occorrerà il rispetto del distanziamento di almeno un metro in tutte le aree comuni e la differenziazione dei percorsi di ingresso e uscita. Stop ai giochi di gruppo in spiaggia, per evitare assembramenti e contagi, ok a racchettoni, surf, nuoto e windsurf. Nei mercati e nelle fiere gli accessi dovranno essere scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando i percorsi di entrata e di uscita. Resta necessario l'uso dei guanti nelle attività di acquisto, specie di alimenti e bevande, e l'utilizzo di mascherine, sia da parte degli operatori che da parte dei clienti, dove non sia possibile il distanziamento interpersonale di almeno un metro. I Comuni potranno sospendere la vendita di beni usati.

Servizi all'infanzia

Le Regioni prevedono un rapporto pari a un insegnante per 5 bambini nella fascia 0-6 anni e un insegnante ogni 10 per minori da 6 a 14 anni. I giochi - si legge nel documento messo a punto - dovranno essere a utilizzo esclusivo di un singolo gruppo di bambini. Deve essere favorita sempre l'attività all'aperto, quando è possibile. La mascherina di protezione va utilizzata da tutto il personale dipendente dai bambini-ragazzi sopra i 6 anni. L'accesso alla struttura dovrà prevedere un'organizzazione anche su turni e infine occorre prevedere la rilevazione quotidiana della temperatura corporea per tutti gli operatori, bambini, genitori e accompagnatori.

Palestre

In palestra sì, ma tenendo i 2 metri distanza durante le attività. Occorrerà organizzare gli spazi negli spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro. Il responsabile della struttura assicura la pulizia delle macchine o degli attrezzi usati anche più volte al giorno e la disinfezione di spogliatoi a fine giornata. Occorre utilizzare apposite calzature previste esclusivamente a questo scopo, e riporre gli indumenti all'interno di borse.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 2: il testo delle Regioni. Spiagge, ristoranti, scuole e palestre

VeneziaToday è in caricamento