Mobilitazione in tutta Italia per i musei. A Venezia gli operatori vogliono ripartire prima del 22

La Fondazione veneziana non riprenderà prima di quella data, a pieno regime. I professionisti dei beni culturali vogliono rientrare in attività come molte altre categorie hanno già fatto

La protesta dei lavoratori dei musei a Venezia

La doccia fredda per gli operatori e i professionisti dei musei civici veneziani è arrivata ieri, quando la Fondazione ha confermato la data della ripartenza: non prima del 22 giugno, a regime pieno. Aperture nei fine settimana dal 13 giugno. Ma la loro necessità di riavvire l'attività è uguale a quella di molti altri addetti che si sono potuti rimettere al lavoro. Riaperti esercizi pubblici, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti e prima il settore industriale e edilizio, insieme a tanti altri. Le sigle confederali veneziane già diversi giorni fa avevano chiesto un incontro alla Fondazione. «Non c'è stato alcun confronto - scrivono Filcams, Fisascat e Uiltrasporti - né sulla tutela occupazionale dei lavoratori, né sull'offerta sulla base della quale ripartire. Chiediamo un incontro per arrivare alla riapertura delle sedi museali veneziane». La Biennale «congelata e la Fondazione Musei Civici che tarda a rimettere in moto un settore chiave dell'economia della città lagunare», ha commentato Il nostro impegno per la città, Venezia Verde e Progressista. «Occorre garantire l’apertura a partire dall’inizio del mese di giugno. Non è accettabile un’apertura diluita nel tempo delle sedi museali». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mobilitazione dei lavoratori del settore va avanti in Italia e in Veneto da 3 giorni con la protesta, “Senza Cultura Nessun Futuro”: immagini sui social, flash-mob in piazza e fotodenunce per segnalare «lo stato di abbandono e disinteresse che sta colpendo i luoghi della cultura e gli operatori del settore. Sono mesi che il ministero si ostina a dire che “la cultura non si ferma”, ma la verità è che migliaia di istituti culturali sono fermi, da tre mesi, mentre tutti gli altri hanno subito un rallentamento», spiega Alice Battistella, storica dell’arte e accompagnatrice turistica. «A Venezia e Verona, città che avevano basato il loro indotto culturale sul turismo, è quasi tutto ancora chiuso, e ancor peggiore è la situazione di moltissimi musei, nazionali e civici, diffusi sul territorio». «Non parliamo solo di piccole realtà - spiega Leonardo Bison, archeologo e attivista - Sono chiusi istituti di primaria rilevanza, mentre chi ha aperto boccheggia: senza investimenti e pianificazione, anche le realtà che funzionavano bene prima della pandemia rischiano di chiudere». È partita una raccolta di segnalazioni per un dossier che sarà consegnato al ministro dei Beni Culturali e al governo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento