rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità Castello

Ritrova il suo splendore la ludoteca devastata dall'acqua alta, grazie alle donazioni

Il complesso situato al piano terra dell'edificio conventuale di Santa Maria Ausiliatrice a Castello verrà sistemato attraverso uno stanziamento di 200 mila euro, provenienti dalle somme che il Comune di Venezia ha raccolto dopo l'alluvione di novembre 2019

La Ludoteca di Castello danneggiata dall'acqua alta del 2019 verrà rimessa in sesto dopo i danni causati dall'acqua alta di novembre 2019.
La giunta veneziana ha approvato, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto, il progetto definitivo comprensivo del progetto di fattibilità tecnica ed economica che prevede interventi di carattere manutentivo e di ripristino del complesso situato al piano terra dell'edificio di Santa Maria Ausiliatrice.

«Si tratta – spiega Zaccariotto – di un intervento che consentirà di conservare un edificio comunale e fermare i processi di degrado rilevati. Tutti lavori che realizzeremo attraverso uno stanziamento di 200 mila euro, provenienti dalle donazioni che il Comune di Venezia ha raccolto nei giorni successivi all’acqua alta del novembre 2019 attraverso gli sms dei cittadini. Un intervento concreto che acquisisce un valore ancor più significativo perché potremmo realizzarlo grazie alla solidarietà di tanti italiani che hanno generosamente dato qualcosa a sostegno della città di Venezia».

Gli interventi riguardano: il risanamento di murature interne e esterne; ripristini delle rifodere danneggiate dall'acqua alta; manutenzione di porzioni del manto di copertura per eliminare infiltrazioni; manutenzione e rifacimento di serramenti, serrature, risoluzione di criticità statiche e consolidamento di elementi dei soffitti; eliminazione delle barriere architettoniche tra gli ambienti interni e l'esterno.

Ludoteca di Castello interni-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritrova il suo splendore la ludoteca devastata dall'acqua alta, grazie alle donazioni

VeneziaToday è in caricamento