Ripascimento Isola Verde, la Regione dà il via ai lavori notturni

Il riposizionamento della sabbia, prelevata alla foce di porto Caleri, avranno luogo una cella alla volta per sette settimane

Sono iniziati stanotte gli interventi per ripristinare il litorale di Isola Verde a seguito dell'erosione provocata dalla mareggiata eccezionale dell'ottobre 2018. Il riposizionamento della sabbia, prelevata alla foce di porto Caleri, avranno luogo una cella alla volta (in tutto sono 6 “celle” o aree di ripascimento), in orario notturno, per una durata di sette settimane circa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intervento

L'importo complessivo è di 900 mila euro, per un quantitativo complessivo di 66.000 mc di sabbia movimentata grazie a un sabbiodotto provvisorio. Gli interventi fanno riferimento all'ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 - Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018 ad oggetto: «Ricostruzione della fascia litoranea per la protezione della costa a seguito dell'erosione provocata dalla mareggiata eccezionale dell'ottobre 2018 in località Isola Verde di Chioggia». I lavori notturni, a partire dalle 20, avranno un andamento progressivo, a partire dalla foce dell'Adige (dove è presente la draga stazionaria refluente), verso la foce del Brenta. La Capitaneria di Porto ha già emesso la relativa ordinanza per la sicurezza della navigazione (n. 30 del 2020). «Gli interventi all'Isola Verde verranno eseguiti sostanzialmente via mare, grazie alla tubazione che ha lo scopo di trasferire la sabbia aspirata in mare nelle zone più interessate dall'erosione - spiega il vicesindaco e assessore all'Ambiente Marco Veronese – questi lavori andranno avanti a moduli, una cella alla volta e durante la notte, in modo tale che le attività turistiche abbiano disagi minimi e possano usufruire della nuova sabbia posata in arenile. Anche l'operatività dei mezzi Veritas per la pulizia dell'arenile è garantita. Come in molti altri contesti, purtroppo l'emergenza sanitaria ha condizionato le tempistiche, ma riposizionare la sabbia è comunque necessario».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento