Acqua granda, firmato l’ottavo decreto per i risarcimenti

Il sindaco di Venezia firma il provvedimento. I risarcimenti arriveranno a 97 privati e a 158 attività

Continua il pagamento dei risarcimenti ai veneziani danneggiati dall'Acqua Granda dello scorso novembre.Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha firmato il decreto con cui ha approvato il prospetto degli ammessi al contributo. Continua così il pagamento dei risarcimenti ai veneziani danneggiati che, ad oggi, sono arrivati a 2.156 soggetti per un totale complessivo di oltre 11,5 milioni di euro.

«Con la firma di questo decreto – dice Brugnaro - liquidiamo un ottavo pacchetto di risarcimenti che arriveranno direttamente a 97 privati e a 158 attività economiche, produttive, sociali e di culto. Il tutto per un totale di 1.447.682,91 euro divisi in 232.830,73 per il primo blocco e 1.214.852,18 per il secondo». Importi che si sommano agli oltre 10 milioni di euro già erogati nelle sette precedenti ordinanze.

«Nello specifico andiamo così a dare risposte significative complessivamente a 1.061 privati, per un totale di più di 2,4 milioni di euro, e a 1.095 attività sociali di culto, economiche e produttive per 7,9 milioni. Un'iniezione di liquidità a 2.156 soggetti che, dopo aver presentato la documentazione necessaria, potranno vedere ristorati i lavori eseguiti per il ripristino delle proprie abitazioni e delle proprie attività - aggiunge Brugnaro -. Ricordo inoltre che, per la prima volta in Italia, è stata data la possibilità ai danneggiati di essere risarciti a stralci, non appena forniscono ricevute e scontrini per almeno il 30% del totale delle spese ammesse a rimborso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento