menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Dalla Mora l'onorificenza al merito del presidente della Repubblica

Residente a Cavallino, da anni è impegnato nel campo della disabilità e dell'accessibilità. Il riconoscimento è arrivato a sorpresa, direttamente a casa

Rodolfo Dalla Mora, residente a Cavallino-Treporti e presidente di SIDiMa (Società italiana disability manager), ha ricevuto su iniziativa del presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’onorificenza di Grande Ufficiale. Il riconoscimento gli è arrivato direttamente a casa, ovvero con la rara modalità "motu proprio".

Dal 2007 Dalla Mora è architetto - disability manager, responsabile dell’Ufficio accessibilità e del Caad (Centro per l’adattamento dell’ambiente domestico) dell’ospedale riabilitativo di alta specializzazione di Motta di Livenza (Treviso). Nel 2011 è socio fondatore della Società italiana disability manager e ne è presidente nazionale. In questi anni con la SIDiMa ha sviluppato e promosso in Italia la figura del disability manager. È docente nei corsi di perfezionamento e master e membro di alcuni comitati tecnici scientifici universitari. Autore di numerosi articoli e studi sul disability management e sull’accessibilità, svolge l’attività anche di architetto specializzato nella progettazione inclusiva. È titolare dello studio di architettura ed urbanistica e ha svolto nel 2016 l’attività di disability manager per conto della Ulss 4 del Veneto orientale.
 
«Un riconoscimento inaspettato che mi riempie di emozione e di soddisfazione – ha commentato Dalla Mora-  anche perché proviene direttamente dal presidente Mattarella. Dedico questo mio riconoscimento alla mia famiglia, a tutte le persone con disabilità e alle loro famiglie che quotidianamente lottano per migliorare la qualità della vita».

Per Dalla Mora non è la prima onorificenza: nel 2008 è stato nominato Cavaliere al Merito della Repubblica “per il suo impegno nel sociale, in particolar modo a favore delle persone con disabilità”; nel 2012 Commendatore della Repubblica italiana “per alti meriti scientifici nel campo dell’accessibilità e dell’inclusione sociale da parte delle persone con disabilità”; nel 2016 gli è stata conferita la medaglia di Bronzo al Merito della Sanità Pubblica “per la sua attività professionale in ambito sanitario e sociale”. A novembre del 2018 gli è stato conferito il Premio Internazionale Giovanni Paolo II. 

pergamena onorificenza-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento