Approvati i lavori negli istituti veneziani in vista del rientro a scuola

Sono opere di adeguamento degli spazi e della aule per garantire il rispetto delle norme sanitarie anti Covid. Gli interventi saranno eseguiti velocemente, prima dell'inizio dell'anno scolastico

La Città metropolitana ha approvato i lavori di adeguamento degli spazi e della aule didattiche in conseguenza dell'emergenza Covid-19: si tratta di opere concordate con i dirigenti scolastici delle scuole superiori e ritenute necessarie proprio per garantire l’adeguamento alle norme di sicurezza sanitaria previste dal ministero dell’Istruzione.

Per questi lavori sono stati stanziati 1,3 milioni di euro: per la maggior parte riguardano infissi, opere murarie, elettriche e adeguamenti di spazi per consentire il rispetto del distanziamento nelle aule e nei luoghi frequentati quotidianamente dagli studenti. «I lavori saranno eseguiti nei mesi di agosto e settembre - ha precisato il consigliere delegato metropolitano Saverio Centenaro - per consentire il regolare inizio dell’anno scolastico a partire dal 14 settembre».

Portogruaro - San Donà - Jesolo

I fondi sono stati suddivisi in dieci zone di intervento: le prime due sono “Zona Nord, area Portogruaro”, (importo di Euro 162.500,00) e “Zona Nord, area San Donà di Piave e Jesolo” ( 162.500,00 euro). Gli undici istituti scolastici interessati nel Comune di Portogruaro sono: l’Istituto Liceo Statale “25 Aprile”, l’Istituto Liceo Statale “Marco Belli”, l’Istituto Prof. di Stato per l’Industria e l’Artig. “D'Alessi”, l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Da Vinci”, l’Istituto Superiore Statale “Gino Luzzatto”. Nel Comune di San Donà di Piave: l’Istituto Tecnico Tecnologico Statale “Vito Volterra”, l’Istituto Istituzione Superiore “Scarpa-Mattei”, la Sezione distaccata di Fossalta di Piave, la Sezione distaccata di San Stino dio Livenza, il Liceo Scentifico “Galileo Galilei”, l’Istituto Tecnico Commerciale “Leon Battista Alberti”, il Liceo Classico Statale “Eugenio Montale” . Nel Comune di Jesolo: l’Istituto Prof. di Stato Alberghiero “Elena Cornaro”.

Venezia e Mestre

Nel Comune di Venezia sono state individuate 4 aree: le prime due in terraferma con la “Zona Mestre, area Nord”, (162.500,00 euro) che comprende l’Istituto Gramsci-Luzzati, Edison Volta, Zuccante, il Liceo Bruno e l’Istituto Gritti. La seconda con la “Zona Mestre, area Sud” (162.500,00 euro) lavori per l’Istituto Pacinotti, Zuccante-Massari, Liceo Stefanini, Gritti ex Foscari, Guggenheim e Guggenheim Mozzoni. Nella città antica le altre due aree: “Zona Venezia, area A”, (162.500,00 euro) con interessate il  Liceo Foscarini, L’Istituto Vendramin Corner (sede palazzo Ariani), l’Istituto Fermi, il Liceo Guggenheim, e le tre sedi del Liceo Classico-Musicale e Artistico Marco Polo. La seconda area definita “Zona Venezia, area B”, (162.500,00 euro) comprende, invece: Istituto Algarotti (Ca’Savorgnan), il Vendramin Corner (palazzo Testa), l’Istituto Barbarigo (palazzo Morosini e San Giovanni Laterano), il Liceo Benedetti e l’Istituto Sarpi, il Tommaseo, e il Venier Cini Nautico.

Miranese, Riviera e Chioggia

Per quanto riguarda le aree del Miranese, Riviera e Chioggia nella “Zona Sud, area Mirano (77.162,48 euro) verranno interessati gli edifici della Cittadella Scolastica oltre agli Istituti Ponti e Primo Levi. Come “Zona Sud, area Dolo”, ( 85.337,52 euro) gli edifici del Distretto Scolastico e l’Istituto Musatti. Nella “Zona Sud, area Chioggia I (94.324,10 euro) interessato l’Istituto A.Righi e per la  “Zona Sud, area Chioggia II (68.175,90 euro) per L’Istituto Veronese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
VeneziaToday è in caricamento