A Castello vince la solidarietà, sospeso lo "sfratto" della 94enne

La lettera al prefetto e la pronuncia del tribunale di Venezia. Il Gruppo25Aprile si era stretto attorno all'anziana di calle dei Greci. I consiglieri del Gruppo Misto avevano cercato un'alternativa

Potrà festeggiare a casa sua il 94esimo compleanno, il 4 giugno prossimo, l'anziana di Castello "sfrattata da casa sua". Dopo aver perso l'immobile finito all'asta a causa di spese lievitate e cause legali, oltre a pagare una costosa un'indennità di occupazione all'attuale proprietario, era stata condannata a restituire l'abitazione. La sua storia non è passata inosservata. Il Gruppo25Aprile si è stretto attorno alla donna e alla figlia, che avrebbero ricevuto la visita dell'ufficiale giudiziario in calle dei Greci giovedì 15 maggio, e ha promesso battaglia con l'occupazione simbolica della calle e della scalinata di accesso all'appartamento. Nel frattempo il caso è finito sul tavolo della prefettura, accompagnato da una lettera del gruppo, e poi al tribunale di Venezia, che ha deciso di sospendere l'azione della forza pubblica. 

Una città che fa quadrato

Ha cantato vittoria e di conseguenza annunciato la sospensione della mobilitazione organizzata per giovedì, il comitato che da anni è in prima linea sulla questione dell'abitare e vivere a Venezia. «Una vicenda che ha ricordato quella dell'ospedale Civile Santi Giovanni e Paolo della città lagunare - ha commentato il portavoce del Gruppo25Aprile Marco Gasparinetti -, questa è una città che fa quadrato e vince, anche se in questo caso un quadrato più piccolo. Abbiamo chiesto alle istituzioni di considerare la situazione dal punto di vista umano, di usare il cuore, non solo la ragione e la legge. L'umanità ha prevalso».

La lettera

«Questa vicenda  - si legge nella lettera inviata dal gruppo al prefetto Vittorio Zappalorto - vede contrapposte le ragioni puramente economiche di una società immobiliare e le ragioni del cuore di una persona anziana e indifesa che si vorrebbe prelevare con la forza dall’appartamento in cui ha vissuto per più di 30 anni. [...] Quale pregiudizio irreparabile potrebbe mai arrecare un rinvio di questo "sfratto", e quale pregiudizio irreparabile potrebbe invece portare lo sradicamento brutale di una persona che il 4 giugno compirà 94 anni e ha passato gli ultimi 37 in quell’appartamento? Questa è la domanda centrale a cui Le chiediamo rispettosamente di rispondere, prima di autorizzare l’utilizzo della forza pubblica e determinarne le modalità operative». Il cuore, per ora, ha vinto.

I consiglieri

Portata anche in Comune la vicenda, dove i consiglieri del Gruppo Misto, Ottavio Serena e Renzo Scarpa, si erano mossi cercando una soluzione alternativa allo sloggio della signora e della figlia, preso atto delle condizioni fisiche che rischiavano di precipitare a seguito di un trasporto forzato.
«Si è provveduto a ricevere a Ca’ Farsetti la figlia dell’anziana già la scorsa settimana - scrivono i consiglieri - per cercare di capire la complessità del problema e quale poteva essere l’azione di sostegno alle due donne e dare i possibili suggerimenti anche al fine di attivare gli enti competenti. È stato contattato anche il legale di parte per alcuni chiarimenti tecnici. Si è ritenuto opportuno trasmettere tutti gli atti ricevuti alla procura della Repubblica riservandosi di svolgere alcune verifiche interne al Comune».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento