Un'interrogazione per rivendicare spazi destinati ai giochi dei bambini

A firmarla è la consigliera Sara Visman dei 5 Stelle veneziani: «Continua riduzione dell'identità stessa della città, sfruttata come brand ma poco considerata come comunità cittadina»

Venezia, immagine da web

Il gioco si fa serio. Bambini a giocare per strada, a Venezia, se ne vedono sempre meno. E su questo i 5 Stelle lagunari chiedono conto con un'interrogazione al Consiglio comunale. «Pongo all'attenzione - scrive la consigliera Sara Visman -  la continua diminuzione di spazi fruibili dai bambini per il gioco e le attività ricreative - si tratta, spiega Visman - dell'identità stessa della città di Venezia, sfruttata come brand, ma poco considerata come comunità cittadina».

Il turismo

«Strade e campi di Venezia, città unica del suo genere, sono da sempre aree dove i cittadini, dei quali i bambini sono parte integrante, vivono la loro città trovando in essi, tra l'altro, occasioni per la socializzazione, per lo svago e per altre attività comuni - si legge nell'interrogazione -. Il numero di plateatici, in particolar modo quelli delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, è negli ultimi anni aumentato, soprattutto per soddisfare le richieste di attività legate all'ampliamento di offerta commerciale rivolta alla grande quantità di presenza di turisti. Tali richieste hanno comportato una significativa riduzione degli spazi di friubilità libera nei campi, come anche nelle calli, e nelle fondamenta».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spazi di socializzazione

«Siamo in attesa delle disposizioni per comprendere e contenere la quantità di visitatori. Il futuro di una città non può prescindere dalla presenza di bambini che facciano i bambini. Ritenuto che lo spopolamento si combatte anche attraverso la qualità dell'offerta di spazi e servizi, compresi quelli ricreativi, si chiede al sindaco e agli assessori competenti di discutere con i commissari, e anche con l'apporto di quelle associazioni da sempre attive su iniziative legate alla fruizione di spazi comuni, per poter trovare insieme indirizzi che impediscano lo snaturamento della città e portino a pianificare progetti per rivitalizzare gli aspetti socializzanti della vita cittadina».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento