menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Spazio cuccioli, foto di archivio

Spazio cuccioli, foto di archivio

Spazio cuccioli Altobello, centinaia di firme per non chiuderlo

Le famiglie: «La struttura è nuova, se serve accorpare lo si faccia qui». I gruppi consiliari Partito Democratico, Tutta la città insieme e Verde progressista chiedono al Comune maggiore promozione e annunciano interrogazioni

Ad oggi sono 454 le firme per il "No alla chiusura dello Spazio Cuccioli Altobello" raccolte sulla piattaforma "change.org". Le famiglie hanno reagito con la petizione alla notizia della chiusura dello spazio il prossimo anno, ricevuta qualche giorno fa, perché mancano iscrizioni.

«È una realtà meravigliosa, uno spazio nuovo, tutto in legno, con diverse stanze (l’androne principale, la stanza per la pittura, quella dedicata al movimento) e un ampio giardino. I nostri bambini lì si sono sempre stati accolti nel migliore dei modi, da una maestra (Veronica) che definire brava e competente non è abbastanza e da un’ausiliaria (Serena) altrettanto fondamentale per il loro benessere. Con loro i nostri bambini hanno raggiunto grandi progressi di crescita, si sono sentiti amati, protetti, stimolati e rispettati nei loro tempi e nelle loro esigenze. «Perché non usare proprio la nuovissima struttura di Altobello per far «arrivare» nuovi bambini da altri spazi cuccioli e «accorpare» il servizio? Lo spazio, costruito dal Comune di Venezia pochi anni fa è nato per ospitare un asilo a tempo pieno, tant’è che è provvisto anche di cucina interna e di un piano superiore, per il momento non utilizzato, ed è quindi in grado accogliere comodamente anche 30 bambini - scrivono nella petizione -. Teniamolo aperto per tutti i bambini di Mestre. Usiamolo come aggregatore di altri spazi ma non perdiamo una struttura e un servizio di eccellenza».

Il gruppo consiliare Tutta la città insieme ha chiesto maggior informazione e promozione al Comune, e più tempo per raccogliere ulteriori iscrizioni, per capire se si può ottenere una deroga sui numeri degli iscritti. «Dato anche il difficile momento economico che tante famiglie stanno vivendo mettere a disposizione della città una struttura pubblica dedicata all’infanzia che vanta una consolidata presenza in uno dei più storici quartieri di Mestre è  una risorsa - commenta la lista Verde Progressista -. Siamo al fianco dei genitori di Altobello e delle loro iniziative e presenteremo un'interrogazione in Consiglio Comunale e in Municipalità», annuncia il gruppo.

«È vero siamo in periodo di pandemia e sicuramente le iscrizioni sono calate anche per quello, perché non attendere qualche settimana o mese e provare a cercare una soluzione diversa? - Chiede la capogruppo del Partito Democratico Monica Sambo - Perchè non diminuire le rette degli asili nido e degli spazi cuccioli (che dal 2014/2015 sono aumentati del 25%) per rilanciare un servizio importante?».
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento